Champions: 3-1 a Kiev, il Manchester City vede i quarti

2016-02-24 22:53:28
Pubblicato il 24 febbraio 2016 alle 22:53:28
Categoria: Notizie Champions League
Autore: Redazione Datasport.it

Il Manchester City vince 3-1 a Kiev e mette una pesantissima ipoteca sulla qualificazione ai quarti di finale di Champions. Nella bolgia dell'Olimpiyskyi, contro una Dinamo volenterosa ma tecnicamente inferiore, la squadra di Pellegrini va al riposo sul 2-0 grazie ai gol di Aguero (15') e David Silva (40'). Nella ripresa la squadra ucraina accorcia le distanze con Buyalskiy (59') ma Yaya Touré chiude i conti al 90' con una magia.

La Dinamo Kiev parte a mille e prova a mettere paura al City. La squadra di Pellegrini, però, non si scompone e al primo affondo passa in vantaggio: corner da sinistra di David Silva, torre di Yaya Touré raccolta da Aguero che controlla col petto e trafigge Shovkovskiy con un gran destro. La formazione ucraina, punita alla prima disattenzione, accusa il colpo e scompare dalla partita. Aguero sfiora la doppietta personale al 22' con un destro largo di poco, ma al 40' Shovkovskiy si deve arrendere per la seconda volta. L'azione del 2-0 del City è magnifica: tacco di Aguero per Sterling che dalla sinistra mette in mezzo un traversone basso per Silva, lo spagnolo irrompe sul secondo palo e insacca. Prima del riposo Aguero ha il tempo di divorarsi il 3-0 sparando a lato con un sinistro a incrociare.

Partita finita? Niente affatto perché nel secondo tempo la Dinamo Kiev torna in campo con un altro piglio. Yarmolenko semina il panico tra i difensori del City e al 59' la squadra di Rebrov trova meritatamente il gol grazie a un destro improvviso di Buyalskiy che, complice una deviazione di Otamendi, sorprende Hart e finisce nell'angolino. Partita riaperta anche se una manciata di minuti prima Sterling aveva chiesto il rigore (probabilmente a ragione) per un contatto in area con Dragovic. La partita resta divertente e nel finale succede di tutto. Aguero sfiora il 3-1 al 76', tre minuti più tardi è Hart a salvare il City con una paratona su destro dello scatenato Buyalskiy. Ma è al minuto 82 che il Manchester si divora la più clamorosa palla gol con Yaya Touré che di testa da due passi, su pennellata di Sterling, non riesce incredibilmente a inquadrare lo specchio della porta. L'ivoriano, però, si fa perdonare proprio al 90' quando, dopo uno scambio in velocità con Fernandinho, firma il 3-1 con uno splendido sinistro a giro dal limite dell'area che finisce nel sette. Per la Dinamo è notte fonda, per il Manchester è festa grande. Il ritorno, in programma il 15 marzo in Inghilterra, sarà poco più di una formalità.