Serie B 2019-2020
Serie B 2019-2020
Tempo reale
Tempo reale

Pescara - Pordenone: 4 - 2 | Tempo reale, Formazioni

2° giornata Serie B 2019-2020

Stadio Adriatico - Giovanni Cornacchia

1 settembre 2019 ore 18:00
Il Meteo ora sul campo

Arbitro: Giovanni Ayroldi

Pescara

4° C. Galano (Rig.)
50° C. Galano
72° M. Tumminello
90° +5 L. Palmiero

Logo Pescara
4
-
2

Conclusa

Logo Pordenone

Pordenone

12° D. Gavazzi
45° +3 L. Chiaretti (Rig.)
4° C. Galano (Rig.)
50° C. Galano
72° M. Tumminello
90° +5 L. Palmiero
12° D. Gavazzi
45° +3 L. Chiaretti (Rig.)

Conclusa

15'
30'
45'
60'
75'
90'
Cronaca a cura di: Stefano Buda
Mostra dettagli:

Prima vittoria in campionato per il Pescara, frutto di un buon inizio di gara e di una ripresa rabbiosa, che ha visto i ragazzi di Zauri salire in cattedra. Partita spettacolare e ricca di emozioni: pronti via e i padroni di casa sbloccano il risultato con un rigore trasformato da Galano. Il Pordenone non ci sta e con il passare dei minuti si fa più pericoloso, con diverse ripartenze che denotano la buona organizzazione della squadra di Tesser: una di queste vale il gol del pareggio firmato Gavazzi. I ritmi si abbassano, la circolazione di palla del Pescara appare sterile e i friulani faticano a pungere, ma quando il primo tempo sembra indirizzato verso il pareggio arriva il mani di Scognamiglio che permette al Pordenone di ribaltare il risultato con Chiaretti dagli 11 metri. Nella ripresa scende in campo un altro Pescara, che dopo appena 5 minuti trova il pari, ancora con un redivivo Galano, per poi andare in vantaggio con Tumminello. Il Pordenone reagisce, ci prova, ma è Palmiero, in pieno tempo di recupero, a mettere al sicuro il risultato. Tanta qualità tra gli abruzzesi, nonostante Zauri abbia schierato diversi elementi arrivati soltanto negli ultimi giorni. Il Pordenone conferma di essere un brutto cliente per qualsiasi avversario. 

90'+7
E' finita: Pescara batte Pordenone 4-2

90'+5
GOL di Luca Palmiero, che al termine di un forcing insistito del Pescara, penetra in area e di potenza manda all'incrocio. Partita virtualmente chiusa

90'+3
Bomba di Burrai dai 40 metri su punizione: Fiorillo blocca

90'+1
Sei minuti di recupero

89'
Ammonito Ledian Memushaj e ammonito anche Lucas Chiaretti

89'
Ci prova il Pordenone con una serie di tiri da fuori, fa muro la linea difensiva del Pescara

88'
Conclusione sballata di Brunori su una buona ripartenza di Memushaj

87'
Miracolo di Bindi sul colpo di testa di Brunori, ispirato dall'assist di Ciofani

86'
Di Grazia lavora un buon pallone sulla destra, Brunori ci prova ma la palla finisce fuori

81'
Si fa male Balzano e Zauri è costretto ad operare il terzo cambio: esce Antonio Balzano ed entra Matteo Ciofani

80'
Pordenone in attacco alla ricerca disperata del pareggio: il Pescara tiene botta

77'
Sostituzione anche per Tesser: esce Patrick Ciurria ed entra Simone Pasa

77'
Sostituzione per Zauri: esce Marco Tumminello, autore del gol finora decisivo ed entra Matteo Brunori Sandri

76'
Pericolosissimo il Pordenone in area, prima con Chiaretti e poi con Pobega che lambisce il palo

73'
Partita vibrante all'Adriatico

72'
GOL del Pescara con Marco Tumminello, che deposita in rete al termine di una buona combinazione ispirata dal tandem Di Grazia-Galano

69'
Buona combinazione Strizzolo-Pobega, con conclusione fuori misura di Ciurria

68'
Ammonito Alberto Barison

66'
Sostituzione Pescara: esce José Machin ed entra Grigoris Kastanos

64'
Sospetto fallo di mani in area di rigore del Pordenone, ma l'arbitro indica che la palla è finita sulla spalla di un difensore neroverde

61'
Pericolosissimo Pobega che dal limite manda di poco fuori alla sinistra di Fiorillo

60'
Grande intensità a centrocampo dove si lotta su ogni pallone

59'
Sostituzione nel Pordenone: esce Gaetano Monachello ed entra Luca Strizzolo

58'
Ancora un'iniziativa personale di Galano, che appare un altro giocatore rispetto a quello visto a Foggia

54'
Pescara indemoniato in questi primi minuti della ripresa

54'
Tocca in area Tumminello su assist di Masciangelo, palla che sfiora l'incrocio dei pali

52'
Ancora il Pescara all'attacco, pericoloso Di Grazia: solo corner

50'
GOL pareggio del Pescara con goal di Cristian Galano: scambio sulla destra con Memushaj, palla all'ex attaccante del Foggia, che con un tocco sul primo palo batte Bindi. Doppietta per lui

46'
Iniziata la ripresa 

Il Pordenone chiude la prima frazione di gioco in vantaggio, al termine di un primo tempo equilibrato, che ha visto il Pescara partire forte e i friulani reagire con veemenza. Al rigore trasformato da Galano in avvio, ha risposto Gavazzi, che ha chiuso al meglio una micidiale ripartenza ospite. Dopo i primi 25 minuti i ritmi si sono abbassati, ma all'ultimo secondo è arrivato l'episodio che ha consentito ai friulani di ribaltare il risultato con Chiaretti. Zauri ha a disposizione altri 45 minuti per provare ad evitare quella che sarebbe la seconda, pesante, sconfitta consecutiva in campionato.

45'+3
Si va direttamente al riposo

45'+3
GOL Trasforma Chiaretti dagli undici metri con un tiro angolato e preciso alla sinistra di Fiorillo

45'+1
Ammonito Gennaro Scognamiglio

45'+1
Calcio di rigore per il Pordenone per un fallo di mani in area di Scognamiglio: su un tiro in mischia la palla è carambolata sul braccio del difensore del Pescara e con il nuovo regolamento non ci sono più dubbi. 

43'
Sta provando a superare il muro della difesa avversaria, con alcune buone combinazioni in attacco, soprattutto sulla fascia sinistra dove operano Di Grazia e Masciangelo. Sempre nel vivo del gioco Machin. Tumminello finora poco incisivo in area

39'
Scognamiglio di testa, su corner battuto da Galano, palla al lato

37'
Tiro di Di Grazia dal limite, palla in angolo

35'
Fase di stallo della partita, con il Pescara che ha ripreso ad attaccare senza riuscire a trovare lo spiraglio vincente. Il Pordenone, dopo alcune buone fiammate in ripartenza, sembra avere abbassato il baricentro.

29'
Bella combinazione in area tra Memushaj e Di Grazia, con quest'ultimo anticipato di un soffio da Barison

25'
Manovra più fluida e rodata sulla sponda friulana

20'
Pericoloso Almici dal vertice destro dell'area, con la palla che lambisce la traversa

19'
Tiro al volo di Palmiero dalla distanza, ma non inquadra la porta

18'
Gara aperta e vivace, in questi primi minuti, con il Pordenone che ha preso campo, dopo il forcing iniziale del Pescara. Entrambe le squadre cercano la vittoria

18'
Bomba di Popega dalla distanza: alto sopra la traversa

17'
Risponde Machin, da 25 metri, con un tiro senza pretese che si spegne al lato

16'
Sugli sviluppi di un corner ci prova in rovesciata Chiaretti, palla sul fondo

13'
Azione travolgente dei friulani, che bucano la linea della difesa di casa, apparsa non irreprensibile nell'occasione. Tutto da rifare per gli abruzzesi

12'
GOL Pareggio del Pordenone con Davide Gavazzi

7'
Batte Machin, palla alle stelle

6'
Ancora il Pescara all'attacco, con Tumminello che si conquista un calcio di punizione da posizione interessante

5'
Si infiamma il pubblico dell'Adriatico

4'
GOL Rigore trasformato da Cristian Galano: portiere a sinistra, palla all'incrocio dei pali sinistro. Pescara in vantaggio

3'
Calcio di rigore per il Pescara: De Agostini atterra Galano lanciato a rete da Di Grazia

1'
Gara appena iniziata. Ha battuto il Pescara

Tutto pronto, allo Stadio Adriatico, per il debutto del Pescara davanti ai suoi tifosi nel nuovo campionato. Al cospetto dei ragazzi di Zauri c'è il Pordenone di mister Tesser, che ha vinto e convinto nella prima giornata. Non ha convinto, invece, il Pescara, nell'esordio all'Arechi. La conseguenza è una rivoluzione nell'undici titolare, con Zauri che lancia in campo due dei quattro nuovi acquisti arrivati nell'ultima settimana: il terzino Masciangelo e il centrocampista Machin. Ai box Del Grosso e Busellato. Dentro anche Scognamiglio al centro della difesa e Palmiero in regia. In attacco, sulla fascia sinistra, c'è Di Grazia al posto di Brunori. Nel Pordenone dentro Almici, Gavazzi e sorprattutto Gaetano Monachello, ex dal dente avvelenato ceduto in estate dagli abruzzesi.   

Tutto pronto per Pescara-Pordenone, match valido per la seconda giornata di Serie B.
Pescara
IN CAMPO (4-3-3)
1 V. Fiorillo
14 A. Balzano 81°
2 H. Campagnaro
6 G. Scognamiglio 46°
40 E. Masciangelo
8 L. Memushaj 89°
20 L. Palmiero 95°
24 J. Machin 66°
11 C. Galano 50° (R)
32 M. Tumminello 77° 72°
23 A. Di Grazia

IN PANCHINA
12 E. Kastrati
3 C. Del Grosso
7 A. Cisco
5 A. Bruno
37 G. Kastanos 66°
19 R. Maniero
18 D. Bettella
10 M. Brunori Sandri 77°
39 S. Ingelsson
13 M. Ciofani 81°
27 G. Zappa
26 M. Busellato
Allenatore
Luciano Zauri
Pordenone
IN CAMPO (4-3-1-2)
1 G. Bindi
15 A. Almici
6 A. Barison 68°
26 A. Bassoli
3 M. De Agostini
7 D. Gavazzi 77° 12°
8 S. Burrai
17 T. Pobega
19 L. Chiaretti (R)48° 89°
29 G. Monachello 59°
13 P. Ciurria

IN PANCHINA
1 M. Di Gregorio
4 M. Stefani
28 M. Cotali
7 L. Strizzolo 59°
20 R. Zammarini
12 J. Jurczak
14 A. Vogliacco
27 L. Candellone
21 L. Zanon
14 S. Pasa 77°
11 D. Semenzato
5 M. Camporese
Allenatore
Attilio Tesser

Logo Pescara

4-3-3

Arbitro: Giovanni Ayroldi

Logo Pordenone

4-3-1-2

1 Fiorillo
1 Bindi
14 Balzano
15 Almici
2 Campagnaro
6 Barison
6 Scognamiglio
26 Bassoli
40 Masciangelo
3 De Agostini
8 Memushaj
7 Gavazzi
20 Palmiero
8 Burrai
24 Machin
17 Pobega
11 Galano
19 Chiaretti
32 Tumminello
29 Monachello
23 Di Grazia
13 Ciurria

Il grafico rappresenta le formazioni iniziali delle squadre.

Pagelle a cura di: Stefano Buda

Arbitro
Giovanni Ayroldi 6.5
Dirige la gara con buona personalità, evitando che il nervosismo condizioni la gara. Assegna due rigori ineccepibili.

Pescara
Allenatore: Luciano Zauri 7.0
Ha coraggio nel lanciare subito tra i titolari Machin e Masciangelo, aggregati al gruppo soltanto da pochi giorni. Reattivo nelle sostituzioni e bravo a spronare i suoi ragazzi, negli spogliatoi, al termine del primo tempo.
Vincenzo Fiorillo (POR): 6.0
Sicuro, tra i pali, le poche volte che viene chiamato in causa. Incolpevole sui due gol ospiti
Antonio Balzano (DIF): 6.0
Buona prestazione del terzino biancazzurro, che fatica in avvio di gara e cresce esponenzialmente nella ripresa.
Hugo Armando Campagnaro (DIF): 6.5
Leader incontrastato del reparto arretrato pescarese a 39 anni suonati.
Gennaro Scognamiglio (DIF): 6.0
Fa valere fisico e senso della posizione. Mezzo voto in meno per il fallo di mani che costa il rigore. Fallo involontario, ma deve adeguarsi al più presto alle logiche del nuovo regolamento
Edoardo Masciangelo (DIF): 6.5
Grande personalità, all'esordio in serie B, per il giovane terzino scuola Juve: sempre pericoloso in appoggio, nel primo tempo soffre leggermente in fase di contenimento. Nella ripresa invece è una diga
Ledian Memushaj (CEN): 6.5
Solito gladiatore: lotta a metà campo, recupera e distribuisce palloni. Una certezza per la linea mediana di Zauri
Luca Palmiero (CEN): 7.0
Corona con uno splendido gol la prima in campionato con la maglia del Pescara: metronomo del centrocampo abruzzese, nel secondo tempo alza il ritmo della sua squadra. Esordio migliore non poteva sognare
José Machin (CEN): 6.5
Abbina quantità e qualità. E' sempre nel vivo dell'azione. Gioca, quasi sempre con ottimi risultati, una quantità impressionante di palloni.
Cristian Galano (ATT): 7.5
Il campionato di serie B sembra avere recuperato uno dei suoi grandi protagonisti, dopo un paio di stagioni di appannamento: si conquista e trasforma un rigore in avvio, firma un gol d'autore nella ripresa e ara la fascia, per tutti i 90 minuti, con grande determinazione. Rigenerato
Marco Tumminello (ATT): 7.0
La retroguardia friulana lo controlla bene per gran parte dell'incontro, ma lui ci mette voglia e determinazione: aiuta la squadra a salire e nella ripresa firma il gol del sorpasso. Gioia incontenibile per lui
Andrea Di Grazia (ATT): 6.5
Parte benissimo, ispirando l'azione che consente a Galano di procurarsi il rigore. Poi continua a pungere senza riuscire a trovare il varco giusto.
Grigoris Kastanos (CEN): 6.0
Buono il suo impatto sulla gara, in un momento particolarmente delicato
Matteo Brunori Sandri (ATT): 6.5
In campo per pochi minuti, mette in mostra numeri importanti: Bindi, con un gran balzo, gli nega la gioia del gol.
Matteo Ciofani (DIF): 6.0
Dà tutto negli ultimi minuti di partita, contribuendo ad allentare la morsa del forcing finale degli ospiti.
Pordenone
Allenatore: Attilio Tesser 6.0
Il Pordenone non demerita, mostra una buona organizzazione di gioco, ma avrebbe dovuto essere un po' più cinico. Non è sembrata una mossa giusta quella di schierare dall'inizio Monachello, apparso totalmente avulso dagli schemi.
Giacomo Bindi (POR): 5.5
Non ha particolari responsabilità in occasione delle quattro reti abruzzesi, apparse quasi tutte imparabili.
Alberto Almici (DIF): 6.0
Tanto incisivo in appoggio quanto incerto in fase difensiva. Da rivedere
Alberto Barison (DIF): 5.5
Nel primo tempo alza una diga insieme ai compagni di reparto. Nella ripresa è costretto ad alzare bandiera bianca
Alessandro Bassoli (DIF): 5.5
Nel primo tempo appare impeccabile, nella ripresa viene travolto dalla rabbiosa reazione del Pescara.
Michele De Agostini (DIF): 5.0
Un suo fallo spiana la strada al Pescara in avvio di partita. Nella ripresa, sulla sua fascia, è annientato dalle folate di Galano
Davide Gavazzi (CEN): 6.5
Realizza il gol del momentaneo pareggio friulano, combatte a metà campo ed è sempre protagonista delle ripartenze ospiti. Cala vistosamente nel secondo tempo
Salvatore Burrai (CEN): 6.0
E' il cervello della squadra di Tesser: quando riesce a ragionare, il Pordenone è padrone del campo
Tommaso Pobega (CEN): 7.0
Quando il Pordenone si rende pericoloso, la palla passa sempre per i suoi piedi. Ogni suo tiro è una potenziale occasione da rete. Si candida a diventare un protagonista assoluto del campionato
Lucas Chiaretti (ATT): 6.0
Trasforma con sicurezza un rigore, prova a rendersi pericoloso tra le linee, ma i suoi attacchi non appaiono sufficientemente incisivi.
Gaetano Monachello (ATT): 5.0
Totalmente avulso dal gioco. Tocca pochissimi palloni e non riesce mai a rendersi pericoloso.
Patrick Ciurria (ATT): 5.5
Generoso e volenteroso, ma troppo impreciso.
Luca Strizzolo (ATT): 6.5
Il suo ingresso in campo, al posto di uno spento Monachello, restituisce peso specifico e coraggio alla sua squadra. Non basta, però, ad abbattere la diga difensiva pescarese.
Simone Pasa (CEN): 6.0
Il suo ingresso servirebbe a dare ossigeno a un centrocampo che ha speso tanto: un obiettivo che viene colto soltanto in parte

Gli highlights saranno disponibili a breve.

-
Possesso palla
-
8
Tiri totali
5
4
Tiri specchio
2
-
Tiri respinti
-
-
Legni
-
5
Corner
3
-
Falli
-
-
Fuorigioco
-
2
Ammoniti
2
-
Espulsi
-

Pescara-Pordenone 4-2

MARCATORI: 4' Galano (Rig.) (Pe), 12' Gavazzi (Po), 45+3' Chiaretti (Rig.) (Po), 50' Galano (Pe), 72' Tumminello (Pe), 90+5' Palmiero (Pe).
PESCARA (4-3-3): Fiorillo 6; Balzano 6 (81' Ciofani 6) , Campagnaro 6,5, Scognamiglio 6, Masciangelo 6,5; Memushaj 6,5, Palmiero 7, Machin 6,5 (66' Kastanos 6) ; Galano 7,5, Tumminello 7 (77' Brunori Sandri 6,5) , Di Grazia 6,5.
A disposizione: Kastrati, Del Grosso, Cisco, Bruno, Maniero, Bettella, Ingelsson, Zappa, Busellato.
Allenatore: Luciano Zauri 7.
PORDENONE (4-3-1-2): Bindi 5,5; Almici 6, Barison 5,5, Bassoli 5,5, De Agostini 5; Gavazzi 6,5 (77' Pasa 6) , Burrai 6, Pobega 7; Chiaretti 6; Monachello 5 (59' Strizzolo 6,5) , Ciurria 5,5.
A disposizione: Di Gregorio, Stefani, Cotali, Zammarini, Jurczak, Vogliacco, Candellone, Zanon, Semenzato, Camporese.
Allenatore: Attilio Tesser 6.
ARBITRO: Giovanni Ayroldi 6,5
NOTE: nessuna
AMMONITI: 45' Scognamiglio (Pe); 68' Barison (Po); 89' Memushaj (Pe); 89' Chiaretti (Po).
ESPULSI: nessuno.
ANGOLI: 5-3.
RECUPERO: pt 0, st 6