Serie B 2018-2019
Serie B 2018-2019
Tempo reale
Tempo reale
29° giornata Serie B 2018-2019

Stadio Adriatico - Giovanni Cornacchia

15 marzo 2019 ore 21:00
Il Meteo ora sul campo

Arbitro: Lorenzo Illuzzi

Pescara

59° G. Scognamiglio

1
-
1

Conclusa

Cosenza

54° G. Tutino
59° G. Scognamiglio
54° G. Tutino

Conclusa

15'
30'
45'
60'
75'
90'
Cronaca a cura di: Stefano Buda
Mostra dettagli:

Finisce 1-1 allo Stadio Adriatico tra Pescara e Cosenza. Gara soporifera nella prima frazione, più vivace nella ripresa, anche se povera di contenuti tecnici. Tanti falli e gioco spezzettato per tutti i 90 minuti. Il pareggio serve a poco alla squadra di Pillon, mentre fa classifica e morale per il Cosenza. I padroni di casa regalano un tempo ai ragazzi di Braglia, disputando una prima frazione senza acuti. Nella ripresa l'innesto di Bellini cambia volto alla partita. Nel momento migliore degli abruzzesi, però, arriva l'errore di Fiorillo, con Tutino che non fa sconti. Il Pescara reagisce e poco dopo trova il pareggio. Pillon le prova tutte, ma la sua squadra fatica a creare occasioni. Il pareggio è il risultato a conti fatti più giusto.

90'+10
Finita 1-1 all'Adriatico. Inutile l'assalto finale del Pescara

90'+7
Ammonito Santiago Bellini

90'+6
Si è rialzato Mungo dalla panchina. Si riprende a giocare

90'+5
Un giocatore del Cosenza è finito nella panchina del Pescara. Gioco fermo. Attimi di apprensione

90'+2
Ultimo cambio nel Pescara: esce Luca Crecco ed entra Filippo Melegoni

90'+1
Ammonito Marco Perrotta

90'+1
Sette minuti di recupero

88'
Sostituzione per Braglia: esce Luca Bittante ed entra Mariano Julio Izco

85'
Ennesima giocata deliziosa di Bellini, che libera Crecco sulla sinistra, invito per Del Sole in area: tiro sul primo palo e palla  fuori

81'
Ha ripreso campo il Cosenza, che vince tutti i duelli a metà campo, ma non riesce a trovare l'acuto vincente

75'
Secondo cambio per Pillon: esce Gaetano Monachello ed entra Ferdinando Del Sole

69'
Un altro Pescara in questa fase della gara: Bellini ha trasformato la squadra

68'
Sostituzione: esce Pietro Perina per infortunio ed entra Umberto Saracco

68'
A terra per la seconda volta il portiere del Cosenza. Si profila il cambio

67'
Sostituzione nel Cosenza: esce Gianluca Litteri ed entra l'ex Riccardo Maniero. Applausi dei tifosi del Pescara

66'
Ammonito Luca Bittante

66'
Mischie furibonde in area del Cosenza, con i pericoli che nascono sempre con Crecco, imbeccato dall'uomo-boa Bellini

64'
Pillon chiede alla sua squadra di salire: vuole i tre punti

63'
Si divora il gol Monachello, sullo splendido assist di Crecco dalla sinistra: l'attaccante del Pescara aggancia ma controlla male e Perina blocca

61'
Ammonito Gaetano Monachello

60'
Si accende la gara all'Adriatico

59'
GOL del Pescara, che pareggia con goal di Gennaro Scognamiglio. Calcio di punizione di Memushaj dalla sinistra, da posizione defilata, irrompe Scognamiglio di testa e supera Perina

56'
Gli ospiti colpiscono proprio nel momento in cui il Pescara iniziava a dare segnali di risveglio

54'
GOL Cosenza in vataggio con Gennaro Tutino. Clamoroso errore di Fiorillo, che su un tiro innocuo non trattiene, si avventa Tutino sul pallone e da due passi deposita in rete

51'
Ammonito Manuel Marras

50'
Padroni di casa più determinati, Monachello in ritardo di un soffio sul cross in area del Cosenza

48'
Pillon prova a dare peso specifico all'attacco del Pescara con una punta di struttura quale l'uruguaiano Bellini, che fa coppia con Monachello. Arretrato Marras, chiamato ad agire tra le linee

Subito cambio nel Pescara: esce Mirko Antonucci ed entra Santiago Bellini

Si va al riposo sullo zero e zero. Gara avara di emozioni e povera di contenuti tecnici. Il Cosenza ci ha messo la voglia, il Pescara neanche quella. Inguardabile la squadra di Pillon nella prima frazione

45'+1
Un minuto di recupero

43'
Buona iniziativa del Cosenza, con Mungo che dalla destra mette in mezzo per Sciaudone: tiro a botta sicura, quasi dal dischetto e palla alle stelle

38'
Monachello dalla lunga distanza, il portiere ospite si distende e blocca

30'
Abruzzesi in confusione, non riescono a uscire dalla propria metà campo. Il Cosenza però non ne approfitta

28'
Botta di Dermaku dal limite dell'area, la palla fa la barba al palo e sfila fuori alla destra di Fiorillo

26'
Tiro sporco di Balzano dai trenta metri, Perina blocca in due tempi

26'
Pescara senza idee, Cosenza che sopperisce al gap tecnico con carattere e aggressività

23'
Due sospetti falli di mano, uno per parte, hanno destato le proteste delle due squadre: prima Bittante tocca di mano nell'area del Cosenza, poi Gravillon in quella del Pescara. Illuzzi di Molfetta lascia proseguire in entrambi i casi. E'apparso più evidente il penalty a favore dei silani.

17'
Ci prova Antonucci da fuori, palla al lato: Perina era sulla traiettoria

14'
Meglio gli ospiti in avvio, che hanno creato le premesse per fare male al Pescara. Partenza in sordina per i padroni di casa, la cui manovra risulta lenta e macchinosa

11'
Clamorosa occasione sciupata da D'Orazio, che non aggancia, lanciato a rete solo davanti a Fiorillo

9'
Ritmi piuttosto bassi, le due squadre fanno fatica a trovare gli spazi

1'
Partita iniziata. Ha battuto il calcio d'inizio il Cosenza

Tutto pronto allo stadio Adriatico per Pescara-Cosenza. Pillon rispolvera il 4-3-3, dirotta Perrotta sulla corsia difensiva di sinistra e piazza Gravillon al centro in coppia con Scognamiglio. In avanti spazio ad Antonucci nel tridente completato da Monachello e Marras. Sul fronte opposto Braglia recupera in extremis Bittante, ma deve fare a meno di Embalo, dato inizialmente nell'undici titolare e sostituito all'ultimo secondo: ne viene fuori un 3-5-2, con Dermaku, Legittimo e Hristov in difesa. Il Cosenza deve rinunciare a Palmerio. Nel Pescara pesano le assenze di Brugman, Mancuso e Campagnaro.

Sfida delicata, tra Pescara e Cosenza, nell'anticipo di giornata in programma allo Stadio Adriatico. Entrambe le squadre sono reduci da sconfitte che, per ragioni diverse, fanno male. A Cittadella i ragazzi di Pillon si sono visti rifilare un poker dall'undici di Venturato, perdendo posizioni in classifica e forse qualche certezza in vista della volata finale. Il Cosenza di Braglia, lanciatissimo fino alla settimana scorsa, stava per fare lo scherzetto anche alla capolista Brescia: ha dilapidato tutto nel finale, passando da un clamoroso 2-0 ad un 2-3 che brucia parecchio. Sarà importante verificare che effetti hanno avuto i rispettivi stop sul morale delle due squadre. Il Pescara, privo del bomber Mancuso e degli infortunati Brugman, Campagnaro e Kanoutè, ha un solo risultato a disposizione: deve vincere per restare nel gruppone di testa e magari tentare l'allungo nelle ultime settimane. I calabresi hanno raggiunto una posizione tranquilla, non hanno particolari assilli di classifica, ma Braglia sa bene che bastano un paio di battute a vuoto consecutive per essere risucchiati nei bassifondi: privi del cervello Palmerio, con Embalo e Bittante da valutare a causa di guai fisici, anche il Cosenza è pronto a dare battaglia.

Pescara
IN CAMPO (4-3-3)
1 V. Fiorillo
14 A. Balzano
5 A. Gravillon
6 G. Scognamiglio 59°
23 M. Perrotta 91°
8 L. Memushaj
20 A. Bruno
25 L. Crecco 92°
19 M. Marras 51°
9 G. Monachello 61° 75°
26 M. Antonucci 45°

IN PANCHINA
12 E. Kastrati
17 G. Pinto
18 D. Bettella
3 C. Del Grosso
31 M. Ciofani
15 E. Elizalde
28 F. Melegoni 92°
11 C. Capone
13 S. Bellini 97° 45°
36 R. Sottil
29 F. Del Sole 75°
Allenatore
Giuseppe Pillon
Cosenza
IN CAMPO (3-5-2)
33 P. Perina 68°
99 A. Hristov
3 K. Dermaku
18 M. Legittimo
3 L. Bittante 66° 88°
21 M. Bruccini
7 D. Mungo
16 D. Sciaudone
11 T. D'Orazio
G. Litteri 67°
25 G. Tutino 54°

IN PANCHINA
22 U. Saracco 68°
10 C. Embalo
32 J. Baez
19 R. Maniero 67°
15 A. Schetino
24 L. Garritano
30 M. Izco 88°
Allenatore
Piero Braglia

4-3-3

Arbitro: Lorenzo Illuzzi

3-5-2

1 Fiorillo
33 Perina
14 Balzano
99 Hristov
5 Gravillon
3 Dermaku
6 Scognamiglio
18 Legittimo
23 Perrotta
3 Bittante
8 Memushaj
21 Bruccini
20 Bruno
7 Mungo
25 Crecco
16 Sciaudone
19 Marras
11 D'Orazio
9 Monachello
Litteri
26 Antonucci
25 Tutino

Il grafico rappresenta le formazioni iniziali delle squadre.

Pagelle a cura di: Stefano Buda

Arbitro
Lorenzo Illuzzi 5.5
Qualche fallo di troppo non fischiato, manca un rigore al Cosenza. Controlla con tranquillità una gara nervosa che però resta sempre nei binari della correttezza

Pescara
Allenatore: Giuseppe Pillon 5.5
Urla, si sbraccia e si danna in panchina, ma la sua squadra nel primo tempo non ha neanche una minima parte del suo carattere. Indovina la mossa vincente inserendo Bellini nella ripresa. Le assenze di Mancuso e Brugman, però, si fanno sentire in fase offensiva.
Vincenzo Fiorillo (POR): 5.0
Un errore nell'arco dei 90 minuti, ma decisivo: Tutino e spietato e lo punisce
Antonio Balzano (DIF): 5.5
Poca spinta e qualche indecisione di troppo sulla fascia
Andrew Gravillon (DIF): 6.0
Meno preciso del solito, ma sempre una sicurezza in fase difensiva
Gennaro Scognamiglio (DIF): 7.0
Perfetto in fase di contenimento, torna a scoprirsi goleador regalando alla sua squadra la rete del pareggio
Marco Perrotta (DIF): 5.0
Falloso e impreciso in difesa. Prova a proporsi anche in fase offensiva, ma con scarsi risultati
Ledian Memushaj (CEN): 6.0
Non si tira mai indietro e tenta fino all'ultimo di trovare la giocata vincente. Suo l'assist per il gol di Scognamiglio
Alessandro Bruno (CEN): 5.5
Quantità e generosità, ma non ha né la rapidità né la velocità di pensiero di Brugman. E il Pescara ne risente
Luca Crecco (CEN): 6.5
Impalpabile nel primo tempo, è tra i migliori nella ripresa: nella fase centrale del secondo tempo sforna un paio di assist che gridano ancora vendetta
Manuel Marras (ATT): 5.5
Moto perpetuo del Pescara, questa sera ha difettato di lucidità e precisione
Gaetano Monachello (ATT): 5.0
Si batte come un dannato, ma spreca le poche occasioni che capitano sui suoi piedi
Mirko Antonucci (CEN): 5.0
Evanescente e lezioso, viene sostituito tra i due tempi.
Filippo Melegoni (CEN): s.v.
Entra nel finale
Santiago Bellini (ATT): 6.5
Il suo ingresso in campo cambia il volto alla partita: conquista palloni, inventa giocate per i compagni e domina nel gioco aereo. Alla prima all'Adriatico dimostra che Pillon potrebbe avere trovato il vero rinforzo di gennaio
Ferdinando Del Sole (ATT): 6.0
Conferisce peso specifico all'attacco del Pescara, ma non riesce a trovare gli spazi giusti per far male negli 11 metri.
Cosenza
Allenatore: Piero Braglia 6.5
Il Cosenza ha la sua impronta: grintoso, determinato e aggressivo per tutta la gara. Il pressing silano impedisce al Pescara di giocare e con un po' più di convinzione i calabresi avrebbero anche potuto centrare il colpaccio.
Pietro Perina (POR): 6.0
Non deve fare gli straordinari e controlla senza affanni le poche conclusioni avversarie. Incolpevole sull'incornata di Scognamiglio
Andrea Hristov (DIF): 6.0
Fa valere il suo fisico e annulla Antonucci nel primo tempo. Soffre l'ingresso di Bellini nella ripresa
Kastriot Dermaku (DIF): 6.5
Comanda il reparto arretrato con autorevolezza e decisione.
Matteo Legittimo (DIF): 6.0
Gara senza sbavature, eccezion fatta per la mischia che vale il pareggio del Pescara
Luca Bittante (DIF): 6.5
Macina chilometri sulla fascia e manda fuori giri il centrocampo del Pescara.
Mirko Bruccini (CEN): 6.0
Attento e determinato, vince parecchi duelli sulla linea mediana.
Domenico Mungo (CEN): 6.0
Non ha lo stesso passo di Palmerio, ma si fa valere con una gara ordinata e attenta.
Daniele Sciaudone (CEN): 5.5
In più occasioni dà l'impressione di poter affondare il colpo, ma alla fine non riesce a lasciare la sua impronta sulla gara.
Tommaso D'Orazio (DIF): 5.0
Sciupa una clamorosa occasione in avvio di gara, commette errori a ripetizione in fase propositiva. Meglio in fase di contenimento
Gianluca Litteri (ATT): 6.0
Si batte come un leone nell'area avversaria, ma non è facile spuntarla contro Scognamiglio e Gravillon
Gennaro Tutino (ATT): 7.0
Solito falco nell'area avversaria, punisce Fiorillo con freddezza. La sua rapidità mette in seria difficoltà la difesa abruzzese
Umberto Saracco (POR): 6.0
Sostituisce l'infortunato Perina e resta pressoché inoperoso
Riccardo Maniero (ATT): 5.5
Gli applausi del suo ex pubblico e niente altro da segnalare
Mariano Julio Izco (CEN): 6.0
Braglia lo lancia nella mischia per dare ossigeno a Bittante e lui si dimostra all'altezza del compito.

Gli highlights saranno disponibili a breve.

-
Possesso palla
-
8
Tiri totali
8
4
Tiri specchio
2
-
Tiri respinti
-
-
Legni
-
1
Corner
4
19
Falli
15
7
Fuorigioco
1
4
Ammoniti
1
-
Espulsi
-

Pescara-Cosenza 1-1

MARCATORI: 54' Tutino (C), 59' Scognamiglio (P).
PESCARA (4-3-3): Fiorillo 5; Balzano 5,5, Gravillon 6, Scognamiglio 7, Perrotta 5; Memushaj 6, Bruno 5,5, Crecco 6,5 (90' Melegoni sv) ; Marras 5,5, Monachello 5 (75' Del Sole 6) , Antonucci 5 (45' Bellini 6,5) .
A disposizione: Kastrati, Pinto, Bettella, Del Grosso, Ciofani, Elizalde, Capone, Sottil.
Allenatore: Giuseppe Pillon 5,5.
COSENZA (3-5-2): Perina 6 (68' Saracco 6) ; Hristov 6, Dermaku 6,5, Legittimo 6; Bittante 6,5 (88' Izco 6) , Bruccini 6, Mungo 6, Sciaudone 5,5, D'Orazio 5; Litteri 6 (67' Maniero 5,5) , Tutino 7.
A disposizione: Embalo, Baez, Schetino, Garritano.
Allenatore: Piero Braglia 6,5.
ARBITRO: Lorenzo Illuzzi 5,5
NOTE: nessuna
AMMONITI: 51' Marras (P); 61' Monachello (P); 66' Bittante (C); 90' Perrotta (P); 90' Bellini (P).
ESPULSI: nessuno.
ANGOLI: 1-4.
RECUPERO: pt 1, st 7