Benevento, De Zerbi si presenta: "Salvezza ancora possibile"

2017-10-24 20:40:48
Benevento, De Zerbi si presenta:
Pubblicato il 24 ottobre 2017 alle 20:40:48
Categoria: Serie A
Autore: Matteo Sfolcini

 Foto www.imagephotoagency.it

La panchina del Benevento dopo la clamorosa nona sconfitta su nove partite ha cambiato padrone. Il presidente Vigorito in settimana ha sollevato dall'incarico il tecnico Marco Baroni e individuato l'uomo della svolta che può centrare un'incredibile salvezza nel giovane Roberto De Zerbi che è solo alla sua seconda esperienza in Serie A dopo il pessimo corso con il Palermo nella passata stagione dove è riuscito a collezionare 7 sconfitte consecutive in casa con record negativo nella storia del club nella massima serie che gli è costato dopo meno di tre mesi (esattamente dopo sole 12 gare) l'esonero, quasi scontato visto gli eccessi del presidente Zamparini. Il nuovo mister però vuole far ricredere tutti e dalle sue prime dichiarazioni sembra avere la carica e lo spirito giusto per risollevare il morale della squadra e cambiare rotta: "Ho accettato la chiamata del presidente Vigorito perché la salvezza è ancora possibile. Tutti dobbiamo fare del nostro meglio e dare tanto, tutto. Sono un passionale che vive le cose al massimo e lo farò anche qui a Benevento. Non faccio promesse, posso solo dire ai tifosi che, in questa avventura, metterò tutto." 

Alcuni ultras giallorossi però sembrano non aver recepito questo messaggio perchè neanche ha fatto a tempo a fare il suo esordio in panchina a Cagliari che lo hanno subito contestato. De Zerbi infatti non è stato accolto nel migliore dei modi dalla curva del Benevento che hanno appesso fuori dalllo stadio uno striscione che recita: "De Zerbi zingaro". Un benvenuto davvero poco amichevole e anzi vergognoso da parte dei tifosi più accessi che rimandano questa contestazione a vecchie ruggini risalenti alla stagione 2015-2016. Il Foggia allenata proprio da De Zerbi infatti contese la promozione in serie B ai campani e nell'occasione il tecnico si lasciò andare a commenti non graditi dai giocatori e non dimenticati neanche dalla tifoseria sannita.

Un bel messaggio arriva invece da Baroni, arrivato in Campania all'inizio della stagione dopo le convincenti esperienza in Serie B al Novara e al Pescara, che ha voluto salutare tutti con un toccante addio in cui ringrazia il presidente, la società, lo staff, i giocatori e i tifosi che li hanno aiutati e sostenuti in tutte le partite augurando alla squadra di raggiungere la salvezza. L'inizio stagione però è stato a dir poco traumatico per le streghe che dopo un'esalntante promozione sono partiti con un paio di prove convincenti ma poi si sono lasciati andare evidenziando un divario tecnico troppo consistente con le altre squadre. La classifica piange e recita ancora zero punti, 22 subiti e solo 2 fatti (peggior difesa e attacco), e fanno del Benevento la peggior squadra dei maggiori campionati europei.

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it