Basket, Melli: "Mi dispiace non andare ai Mondiali. Pelicans? Momento giusto"

2019-08-14 15:08:37
Basket, Melli:
Pubblicato il 14 agosto 2019 alle 15:08:37
Categoria: NBA
Autore: Matteo Pifferi

Nicolò Melli, giocatore dei Pelicans (Nba) appena tagliato dalla lista dei preconvocati per il mondiale di basket a causa di un infortunio, ha parlato a Radio Sportiva.

SULL'INFORTUNIO: "Sto seguendo un percorso di recupero, la riabilitazione è alle spalle. Più si avvicinava la data e più mi rendevo conto che non avrei fatto parte del gruppo che andrà al Mondiale. Mi dispiace ma ci sono dei tempi biologici che vanno rispettati: speravo di risolvere il problema in maniera conservativa ma invece mi sono dovuto operare e non sono riuscito a raggiungere i ragazzi in nazionale".

SUL RECUPERO: "Mi manca ancora un po' perché al momento corro solo tre minuti sul tapis roulant. Sto bene, ma i tempi purtroppo non combaciavano con i programmi estivi di quest'anno".

SULLA SUA ESTATE: "Sono stato al mare solo due giorni, sono concentrato sul mio ginocchio".

SULLA NAZIONALE AI MONDIALI: "Ho visto due amichevoli, ma è difficile giudicare perché la squadra non è ancora al completo. Il gruppo ha sicuramente talento, anche se ai Mondiali ci sono squadre attrezzate. Sarebbe importante superare il primo girone che non è scontato come in molti credono. Ci sono ottime possibilità di fare bene ma dipende da tanti fattori".

SU CHI METTE IN DUBBIO IL SUO INFORTUNIO PER PRESERVARSI PER L'NBA: "Sono persone che non mi conoscono, non so a che titolo mettono in dubbio quello che ho fatto, visto che non erano con me quando mi sono operato nè quando ho parlato con i Pelicans, che non mi hanno mai vietato di partecipare al mondiale, quindi non ho niente da rispondere. Non sto a rispondere alle critiche o agli haters sui social network, comunque in larga parte ho avuto tanti messaggi positivi per la mia nuova avventura ai Pelicans: il primo dispiaciuto di non essere andato ai mondiali sono io e mi scappa solo da ridere a pensare che qualcuno sappia cose che io non so".

SULL'AVVENTURA AI PELICANS: "Spero arrivi nel momento giusto, devo dimostrarlo. Per quello che mi riguarda credo che sia il momento giusto, farò di tutto per far bene e perchè diventi il passo giusto".

SUL 'DERBY' ITALIANO IN NBA: "Mi sono segnato tutte le partite sul calendario, al di là dell'esordio e del 'derby' italiano. Non conosco quel mondo e il mio primo pensiero è ambientarmi al meglio, sono molto eccitato di avere questa possibilità".

SUL SUO RUOLO NEI PELICANS: "Ancora non mi hanno chiesto nulla. Mi scappa da ridere perchè mi considerano un veterano ma in realtà sono alla prima stagione in Nba. E' un mondo diverso, con regole diverse: cercherò di portare la mia personalità, soprattutto fuori dal campo e nello spogliatoio perchè siamo tanti giovani ed è importante essere sulla stessa lunghezza d'onda, poi sul campo vedremo come potrò aiutare la squadra".

Segnalazioni e Consigli. Scrivi alla  redazione di DataSport: segnalazioni@datasport.it