> calcio > premier league

Domenica, 22 Gennaio 2017 - 19:50

Premier League: risultati e classifica in diretta. Live

Diego Costa - Foto www.imagephotoagency.it

Segui e commenta su Datasport, giornata per giornata, tutte le emozioni del campionato inglese



Nella 22a giornata di Premier lo Swansea batte 3-2 il Liverpool che resta a 45 punti, -7 dal Chelsea. Ai Reds non basta la doppietta di Firmino. Gallesi in gol con Sigurdsson e bis di Llorente. Secondo posto a quota 46 per il Tottenham che pareggia 2-2 in rimonta con il Manchester City: Alli e Son rispondo a Sané e De Bruyne. Termina 1-1 Stoke City-Manchester United con Rooney che, al 94’, rimedia all'autorete di Mata.  

Nelle gare domenicali prosegue il dominio incontrastato del Chelsea che batte 2-0 l'Hull City a Stamford Bridge grazie ai gol del rientrante Diego Costa e di Cahill. I Blues di Conte consolidano il primato con 8 punti di vantaggio sull'Arsenal che sconfigge 2-1 in extremis il Burnley grazie al rigore di Sanchez al 97'. Il Leicester di Ranieri crolla 3-0 sul campo del Southampton con reti di Ward-Prowse, Rodriguez e Tadic su penalty.




CHELSEA-HULL CITY
Conte ripropone al centro dell'attacco Diego Costa dopo gli screzi degli scorsi giorni. L'attaccante risponde presente e in avvio di match sfiora il gol con un tiro di poco a lato. Al 20' brutto scontro testa contro testa tra Mason e Cahill: il giocatore dell'Hull rimane stordito a terra e, dopo diversi minuti, viene trasportato fuori dal campo in barella. Alla ripresa del gioco Mguire impegna Courtois con un colpo di testa. Al minuto rete annullata a Diego Costa, scattato in leggero fuorigioco. L'arbitro Swarbick concede 9 minuti di recupero e al 52' il bomber brasiliano naturalizzato spagnolo mette dentro la rete numero 15 in campionato su cross di Moses. Il Chelsea va così negli spogliatoi in vantaggio 1-0.  A inizio ripresa Courtois salva il risultato sul destro di Meyler. Diego Costa sfiora la doppietta con una girata di prima intenzione respinta in corner da Dawson. Il Chelsea è sornione e all'81' raddoppia con un colpo di testa di Cahill su punizione messa in mezzo dal neo-entrato Fabregas. Tre minuti più tardi Jakupovic evita il 3-0 respingendo di piede il tiro a botta sicura di Diego Costa. Nella serata di festa del Chelsea c'è gloria anche per Courtois che difende la 13esima imbattibilità stagionale salvando sulla conclusione incrociata di Niasse. I ragazzi di Conte volano così a 55 punti, 8 in più sull'Arsenal. L'Hull resta penultimo a quota 16.

ARSENAL-BURNLEY
Wenger si affida ancora una volta a Giroud come unica punta con 4 giocatori come OzilRamseyIwobi Sanchez alle sue spalle. Il primo tentativo è del tedesco con un tiro a giro deviato da Heaton. Il Burnley risponde con una conclusione di Barnes parata da Cech. Al 35' Koscielny svetta più in alto di tutti su angolo ma non centra lo specchio. Nel finale di frazione Sanchez salta secco Hendrick e scarica un destro a giro che lambisce il palo. A inizio ripresa è ancora il Nino Maravilla ad impensierire la difesa ospite con un tiro dal limite che si alza di un soffio sopra la traversa. A sbloccare l'incontro per i Gunners ci pensa l'ex sampdoriano Mustafi con un colpo di testa preciso su angolo di Ozil. L'Arsenal resta in inferiorità numerica per il rosso diretto a Xhaka che commette un fallaccio su Defour. Gli ospiti ci credono e al 93' conquistano un rigore per un fallo di Coquelin su Vokes: dagli undici metri Gray conclude centrale e beffa Cech. Il match sembra destinato a terminare 1-1 con Wenger che viene espulso per proteste. Quattro minuti dopo però viene concesso un penalty anche all'Arsenal per un intervento sconsiderato di Mee su Koscielny, scattato in leggero offside. Dal dischetto Sanchez non sbaglia con il cucchiaio. Il cileno regala un successo di fondamentale importanza ai Gunners che salgono al secondo posto a 47 punti scavalcando in un sol colpo Liverpool e Tottenham.

SOUTHAMPTON-LEICESTER
Seconda sconfitta di fila, quarta nelle ultime sette gare per il Leicester che crolla a St. Mary's sul campo del Southampton. La squadra di Ranieri, senza Mahrez e Slimani, impegnati in Coppa d'Africa, si affida a Vardy e Okazaki ma a colpire per prima è la squadra di casa che al 26' trova l'1-0 con Ward-Prowse con un bel destro in diagonale da dentro l'area. Al 39' il Southampton raddoppia con Jay Rodriguez che insacca da pochi passi e per le Foxes è notte fonda. Nella ripresa il Leicester ha un'occasione con Morgan al 72' ma non la sfrutta e nel finale lo stesso Morgan regala un calcio di rigore ai padroni di casa che il serbo Tadic trasforma all'86' per il 3-0. In classifica il Southampton, che interrompe una striscia di 4 sconfitte, sale a 27 punti mentre la squadra di Ranieri resta ferma a 21 ed è a +5 sulla zona retrocessione. Le Foxes non vincono in trasferta dallo scorso aprile, ben 13 partite; inoltre i 21 punti in 22 gare sono il peggior inizio di sempre per il club campione in carica.

MANCHESTER CITY-TOTTENHAM
Il primo tempo dell'Etihad è tutto di stampo City. I ragazzi di Guardiola sfiorano il gol al 20' con un sinistro di Zabaleta che termina di un soffio a lato. Lloris salva poi il risultato sulla zampata di De Bruyne. Sané non centra di testa lo specchio su cross di Clichy mentre Aguero trova sulla sua strada ancora una volta un attentissimo Lloris in due occasioni consecutive. A inizio ripresa il portiere del Tottenham diventa però protagonista in negativo. Su lancio lungo di De Bruyne esce a vuoto permettendo a Sané di mettere agevolmente in rete il pallone dell'1-0 dopo un sospetto tocco col braccio. L'estremo difensore degli Spurs regala anche il raddoppio non trattenendo un facile cross di Sterling: sulla sfera si avventa De Bruyne che non può sbagliare. Quando ormai la gara sembra segnata gli ospiti risorgono e accorciano le distanze con una girata vincente di testa di Alli su perfetto traversone di Walker. Al 76' Sterling si divora il tris calciando debolmente addosso a Lloris e sul ribaltamento di fronte arriva il pari degli Spurs firmato da Son con un destro chirurgico su sponda di KaneGuardiola manda in campo per la prima volta il neo-arrivato Gabriel Jesus che, in due minuti sfiora la traversa con un colpo di testa e si vede annullare poi un gol per fuorigioco su cross di De Bruyne. Il Tottenham strappa così un punto prezioso all'Etihad e vola al secondo posto con 46 punti, -6 dal Chelsea (impegnato domani con l'Hull). Il City resta quinto a quota 43. 

LIVERPOOL-SWANSEA
Primo tempo equilibrato ad Anfield Road con un'occasione per parte. La prima, al 17', è per i Reds con Lallana che tenta la deviazione acrobatica su cross di Firmino ma spara in tribuna. Decisamente più pericoloso lo Swansea che due minuti più tardi colpisce il palo con una conclusione di Carroll. Ma è a inizio ripresa che il match si infiamma, con tre gol nell'arco di sette minuti. A sbloccare il risultato è Llorente che al 48', su una mischia originata da un corner, trafigge Mignolet da due passi. Quattro giri di lancette e l'attaccante spagnolo ex Juventus firma la sua terza doppietta stagionale in Premier League con un'incornata su traversone dalla sinistra di CarrollSwansea avanti 2-0, ma la doccia gelata sveglia il Liverpool che accorcia subito le distanze al 55'. Cross di Milner e colpo di testa vincente di Firmino che anticipa OlssonFabianski non può arrivarci. Adesso l'inerzia della gara è tutta dalla parte della squadra di Klopp e al 69' arriva il pareggio: Wijnaldum crossa dalla sinistra, Firmino controlla col petto e - circondato da due difensori - trova l'angolino basso con un sinistro in controbalzo. Tifosi dei Reds in visibilio, ma nuovamente gelati una manciata di minuti più tardi: dopo una percussione di Carroll e una serie di rimpalli, Sigurdsson si ritrova il pallone sul sinistro e trafigge Mignolet in uscita. Gli ultimi venti minuti (recupero compreso) sono un assedio del Liverpool, ma lo Swansea resiste e porta a casa tre punti d'oro. A sorridere è soprattutto il Chelsea di Antonio Conte con il tecnico salentino che, ironia del destino, deve ringraziare proprio un suo ex allievo, quel Fernando Llorente che insieme a lui alla Juventus vinse uno scudetto e una Supercoppa italiana.

STOKE CITY-MANCHESTER UNITED
Il Manchester United evita una figuraccia pareggiando 1-1 sul campo dello Stoke City grazie a Wayne Rooney che, entrato nella ripresa al posto di Mata (colpevole dell'autorete che regala il vantaggio ai padroni di casa e nel primo tempo), segna con una splendida punizione al 95' il suo gol numero 250 con la maglia dei Red Devils. Il bomber inglese batte il record di Bobbie Charlton diventando il miglior marcatore di sempre del club. Lo United rimane così al sesto posto in classifica con 41 punti mentre lo Stoke viene raggiunto in nona posizione a quota 28 dal West Ham che si impone 3-1 sul campo del Middlesbrough grazie alla doppietta di Carroll e al gol di Calleri

LE ALTRE
Settima gara senza vittorie per il Watford di Mazzarri che pareggia 2-2 in casa del Bournemouth. Gli uomini dell'ex tecnico di Napoli e Inter vanno due volte in vantaggio con Kabasele Deeney ma vengono recuperati da King e Afobe. Il gol di Coleman siglato all'87' regala all'Everton la terza vittoria consecutiva in campionato: battuto 1-0 in trasferta il Crystal Palace. Prosegue l'ottimo campionato del West Brom che regola 2-0 il Sunderland grazie alle reti di Fletcher e Brunt.
Redazione Datasport
loSpettacolo.it - la tua guida tv
Segnalazioni e Consigli

Scrivi alla redazione

di Datasport