Stramaccioni: "Io esonerato? Non credo"

Pubblicato il 14 marzo 2013 alle 08:00:00
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

"Credo che il mio lavoro verrà giudicato a fine stagione e non ora, poi sarà il presidente a decidere cosa fare". Il tecnico dell'Inter, Andrea Stramaccioni, risponde così alle domande sulla possibilità di un esonero in caso di sconfitta domenica contro la Sampdoria. "Moratti è arrabbiato e lo siamo anche noi", ha aggiunto l'allenatore.

Stramaccioni si concentra poi sulla gara di Europa League contro il Tottenham in programma domani al Meazza: si riparte dal 3-0 per gli Spurs. "Abbiamo il dovere di pensare solo a questa gara - ha detto il tecnico nerazzurro -. Il 3-0 è difficile da ribaltare ma vogliamo vincere. Ci servirà anche un pizzico di fortuna".

Ad accompagnare il tecnico in conferenza stampa c'era Cristian Chivu, che ieri in un'intervista ha lanciato una frecciata a Stramaccioni parlando di Inter "senza gioco". "Mi prendo la responsabilità di quel che ho detto - è stata la premessa del difensore romeno - ma non va bene se le mie frasi vengono estrapolate dal contesto. Ho detto anche che l'allenatore sta facendo il suo lavoro al meglio e questo non è stato riportato".

"Ho fatto un'intervista onesta - ha aggiunto Chivu -, quel che sentivo l'ho detto, bisogna lavorare e seguire il tecnico. Anche i giocatori si devono prendere le proprie responsabilità, non dobbiamo più pensare alle vittorie del passato".