Il pagellone: Grand Hotel Genoa

Pubblicato il 17 gennaio 2011 alle 11:51:57
Categoria: Calciomercato
Autore: Redazione Datasport.it

IBRAHIMOVIC (8) pesca un altro coniglio del cilindro, ma il Milan non ne approfitta. Grave la dormita della difesa che ha consentito a Olivera (7) di brindare e al Lecce di conquistare un punto pesante. Male Pato (5) che deve capire una cosa: ha mezzi enormi, ma la continuità è fondamentale. E giocare per la squadra anche. Ora i voti.

UDINESE 8,5 – Otto gol in trasferta nelle ultime due gare. Guidolin (8) in cattedra. Armero (7) acquisto azzeccato, una scheggia a sinistra. Sanchez (7,5) che ora segna anche, terzo gol consecutivo. Di Natale (7) un assegno circolare. Potremmo continuare fino a dopodomani mattina. Udinese slot machine: metti una moneta e Guidolin te ne restituisce dieci.

DEL PIERO 7,5 – Si parla molto di Totti che gioca poco o male. Ma Alex è l’anima della Juve, la prende per mano e la trascina nei momenti di difficoltà. Fategli il contratto: lo merita.

MATRI 7 – Lo hanno fischiato, assurdo. Uno come Alessandro non può essere messo in discussione. La sua reazione dopo il primo gol del Cagliari è sembrata esagerata, ma umanamente comprensibile.

KOZAK 7 – Non sarà pronto per giocare dall’inizio, però quando entra cambia la partita, come Denis. La Lazio lo darà, se lo darà, soltanto in prestito. Ma Lotito nega, intende blindarlo.

DIAMANTI 7 – Sta cercando di caricarsi il Brescia sulle spalle, cercando (e trovando) gol possibili e in qualche caso anche impossibili. Un pensiero sentito a Bega (7), ha sbloccato con una prodezza.

MARINO 5 – Ma il Parma a Brescia ha giocato?

SOSA 5 – Doveva prendersi il Napoli e non ci sta riuscendo. La speranza è che il voto, basso, diventi un sei e mezzo presto. Cinque a Sosa, ma tre a chi lo aveva mandato a Catania già a gennaio: non può trasferirsi altrove, ha già indossato due maglie (Bayern e Napoli). A Catania potrebbe andarci a giugno, forse, ma forse no. Questa è un’altra storia.

VUCINIC 5 – Talento sopraffino, ma ormai insofferente. Quel gesto al momento della sostituzione non è stato il massimo. Se volesse lasciare la Roma, a ogni costo, basterebbe dirlo e pretendere di essere accontentato. Non c’è bisogno di altri casi interni, dopo le liti con Totti e Pizarro.

PREZIOSI 4,5 – Se smonti e rimonti il Genoa in pochi mesi, diventa inevitabile che tutti vadano in confusione. Adesso può succedere che partano anche Sculli e Criscito, non sarà semplice per Ballardini. Insomma, Preziosi – che ho sempre elogiato – ha messo su il Grand Hotel Genoa. Arrivi e partenze a scadenza settimanale: pericolosa svolta. Indifendibile Eduardo (3,5), l’esatto contrario del portiere che aveva convinto ai Mondiali. Pressing per ingaggiare Marchetti dal Cagliari. Il Grand Hotel è sempre aperto, accomodatevi al check-in o al check-out.