Serie A: rullo Udinese, Cagliari travolto

Pubblicato il 13 marzo 2011 alle 17:23:15
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Una travolgente Udiese strapazza il Cagliari (0-4), conquista la sua quinta vittoria consecutiva in trasferta e, soprattutto, sorpassa la Lazio e aggancia il quarto posto che vale i preliminari di Champions League. I friulani sono stati trascinati dal duo Di Natale-Sanchez, quest’ultimo autore di un gol alla Messi. Male invece il Cagliari, quasi mai pericoloso e in partita solo per i primi 40 minuti.

La prima occasione del match è comunque per i sardi: Cossu fa velo per l'accorrente Conti che calcia al volo dal limite dell'area ma la palla termina alta sopra la traversa. I friulani rispondono al 16’ con una bella punizione all'incrocio di Di Natale, Agazzi vola e a mette in angolo. Il numero uno rossoblu si ripete poco dopo su Sanchez, che si era inserito con rapidità in area bruciando i gli statici difensori sardi. Il predominio friulano è costante: Conti al 31’ deve far ricorso a tutta la sua esperienza per fermare in area lo scatenato Sanchez con una perfetta scivolata. Ma al 42’ arriva il vantaggio degli ospiti: Benatia stacca con tempismo su corner battuto da Di Natale e batte Agazzi. Passano meno di due minuti e arriva il raddoppio, un vero e proprio capolavoro di Sanchez: il cileno scatta in contropiede dalla sua area di rigore, ignora Di Natale libero sulla sinistra, mette a sedere Astori con un doppio passo, supera Agazzi e appoggia in rete.

In pieno recupero c’è la reazione del Cagliari: Ragatzu sfiora il gol con un’acrobazia volante, salva tutto Handanovic. Ma a inizio ripresa l’Udinese archivia la pratica: al 48’ Di Natale sfrutta un assist di Sanchez e batte Agazzi, complice una sfortunata deviazione di Canini. Passano 6 minuti e i friulani calano il poker: ancora Di Natale raccoglie un assist di Sanchez e appoggia in rete per lo 0-4. Donadoni intuisce il rischio di un tracollo stile Palermo e sostituisce un attaccante Ragatzu, per un centrocampista, Missiroli. A poco a poco i friulani rallentano i ritmi e la partita si trascina sino al 90’ senza più grandi emozioni.