Serie A: Parma-Genoa, le pagelle

Pubblicato il 10 febbraio 2013 alle 15:32:14
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Rivivi le emozioni di Parma-Genoa: cronaca, pagelle e tabellino

Le pagelle di PArma-Genoa, terminata 0-0

PARMA


Pavarini 6.5 Un grande riflesso nella prima frazione sul colpo di testa di Bertolacci, nella ripresa risulta inoperoso
Lucarelli 6 Limita Borriello con le buone e soprattutto con le cattive. Tanti falli, ma il lavoro di contenimento è efficace
Coda 6 L'ultima mezzora con più tranquillità rispetto a Benalouane
Mesbah s.v. Poco tempo per mettersi in mostra, rileva Gobbi ma non incide
Paletta 6.5 Un drago. Soffre solo la velocità e l'intraprendenza di Bertolacci, ma nell'uno contro uno è davvero dura andargli via
Benalouane 5.5 Anello debole della difesa ducale. Non fa grossi danni, ma il Parma scricchiola soprattutto dalla sua parte
Valdes 5.5 Non è in uno splendido momento di forma. Dimostra nervosismo e si fa ammonire già nella prima frazione, ma in generale pecca di lucidità
Biabiany 6.5 Viaggia a velocità doppia rispetto agli altri. Antonelli nel complesso lo limita, ma mette in mezzo due o tre palle che Belfodil e Amauri hanno sulla coscienza
Mariga s.v. Ritorno sfortunato, si stira dopo cinque minuti
Parolo 6 Prova più votata al contenimento che alle avanzate. Un solo tiraccio al volo col destro, poi tanta corsa e sacrificio
Gobbi 6 Senza in famia e senza lode. Si limita a governare la sua fascia in un duello con Pisano che non esalta nessuno dei due
Ninis 6 Intraprendente ma poco preciso. S'incarica di angoli e punizioni ed è protagonista di qualche giocata interessante. Ma può fare molto di più
Amauri 5.5 Piuttosto macchinoso, fa a sportellate con Portanova e Granqvist ma non riesce ad avere la meglio. Una sola girata verso la porta, Frey gli dice di no
Belfodil 5 Spiace perché si muove tanto e bene. Ma l'occasione fallita al 68' a due metri dalla porta pesa tanto nel computo della gara

All. Donadoni 6 Non è certo un periodo d'oro per il suo Parma. Se c'era una squadra che doveva vincere, oggi, non era certo la sua. Ma il punto conquistato è importante e può sbloccare la testa

GENOA

Frey 6 Salva su Amauri, per il resto non è chiamato a interventi provvidenziali
Granqvist 6.5 Un solo errore nel primo tempo, con un passaggio in orizzontale che favorisce la discesa pericolosa di Ninis. Per il resto la solita sicurezza: Preziosi non commetta l'errore di cederlo in Russia
Portanova 6.5 Bell'acquisto. La prova di oggi spiega, se ce ne fosse bisogno, perché i tifosi del Bologna non si rassegnano all'idea della sua partenza
Pisano 6 Un pallone splendido per la testa di Bertolacci nel primo tempo, poi rimane troppo sulle sue
Antonelli 6 Buona la prestazione, se si considera che davanti aveva una cliente scomodo come Biabiany. Un po' meno bene in fase di spinta
Manfredini 6 Tutta la retroguardia del Genoa sembra aver trovato solidità. Lui non è certo da meno, anche se evidenzia qualche problema in impostazione
Bertolacci 7 Migliore in campo. Nel primo tempo impegna Pavarini ad una salvataggio in angolo, nella ripresa solo due legni gli impediscono di esultare. Ma tutta la prestazione in generale convince
Matuzalem 6.5 Dimostra intelligenza tattica e grande spirito di sacrificio. Sta recuperando anche la condizione, per il Genoa si rivelerà un faro
Vargas 5 Dov'è finito il grande esterno dei tempi della Fiorentina? Venti minuti di errori ed incomprensioni coi compagni
Kucka 6 Sottotono rispetto al solito. Prova qualche conclusione velleitaria e non riesce ad incidere neanche in inserimento, cosa che di solito non ha problemi a fare
Rigoni 6 Si butta nei varchi aperti da Borriello ma pecca di imprecisione. eppure un centrocampista come lui al Genoa serviva come il pane
Olivera s.v. Non ha tempo per influire sul match
Immobile s.v. Tenuto in panchina fino a cinque dalla fine
Borriello 6 Lotta coi denti, a gomiti alti. Non riesce a costruirsi occasioni degne di nota, ma apre varchi importanti per Bertolacci e Rigoni

All. Ballardini 6.5 Cinque punti in tre partite e la sensazione che la squadra abbia svoltato. E' ancora presto per parlare, ma di certo il mercato di gennaio gli ha dato una grossa mano