Serie A, Inter-Bologna: formazioni, diretta, pagelle. Live

Pubblicato il 13 marzo 2016 alle 08:00:01
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

A San Siro l'Inter festeggia nella maniera migliore possibile il proprio compleanno numero 108 regolando il Bologna per 2-1. Decidono la gara due reti direttamente dagli sviluppi di azioni d'angolo: sulla prima al 72' è Perisic a sbloccare il match dopo una sponda involontaria di Donsah, mentre quattro minuti più tardi è Miranda a fungere da trampolino per il raddoppio di D'Ambrosio. A nulla vale il gol nel finale di Brienza che al 89' approfitta di un erroraccio di Kondogbia e firma il gol della bandiera rossoblu. Termina così 2-1 per la squadra di Mancini che non fallisce l'appuntamento con i tre punti e rilancia le proprie quotazioni europee. Stop tutto sommato indolore invece per il Bologna, che non vince però ormai da quasi un mese e pare in una fase non proprio brillante della stagione.

Il primo tempo si apre subito con l'Inter pericolosa ma al 5' Icardi non arriva su un pallone teso di Eder. Nella stessa azione il bomber argentino si infortuna (sospetta distorsione al ginocchio)ed è costretto a lasciare il campo per Kondogbia. Dieci minuti più tardi anche Destro esce per una forte contusione che, tuttavia, non dovrebbe destare preoccupazioni. Donadoni manda al suo posto Floccari, l'Inter inizia bene ma è del Bologna la migliore palla gol dei primi venti minuti: discesa in campo aperto di Donsah che tutto solo davanti ad Handanovic non inquadra lo specchio della porta.

Lo spavento sveglia gli uomini di Mancini che dal 20' fino al termine della prima frazione schiacciano il Bologna e creano almeno due nitide palle gol. La prima se la crea Ljajic che centra il palo esterno con una conclusione velenosa dal limite, mentre la seconda è una gran giocata di Miranda che al 45' per poco non beffa Mirante con una splendida deviazione di tacco su tiro di Perisic. Il Bologna soffre e raramente supera la mediana ma il fortino felsineo regge.

Nella ripresa l'Inter entra in campo stranamente imbalsamata e il Bologna prende coraggio alzando il pressing a tutto campo e mandando in tilt le già minime idee del centrocampo nerazzurro. Ne viene fuori un inizio di seconda frazione di rara povertà tecnica nel quale non succede praticamente nulla. Al 63' Perisic prova a svegliare i suoi ma il suo sinistro a giro termina largo. L'Inter rumina calcio e fatica terribilmente a costruire ma nel momento di maggiore difficoltà, con un San Siro che inizia a rumoreggiare, è lo stesso Perisic a togliere le castagne dal fuoco in casa nerazzurra: minuto 72', Brozovic crossa in mezzo, Donsah anticipa D'Ambrosio ma libera involontariamente Perisic che da due passi di testa sblocca il match.

Per il Bologna il colpo è durissimo e quattro minuti più tardi i felsinei cedono nuovamente su azione d'angolo: questa volta è Miranda a fungere da sponda per l'inserimento di D'Ambrosio che firma il raddoppio con un destro al volo. La gara sarebbe virtualmente chiusa se non ci mettesse lo zampone Kondogbia che al 89' spiana la strada al contropiede rossoblu: il centrocampista francese serve involontariamente Giaccherini che dà il via all'azione del gol di Brienza, bravo a finalizzare con un preciso sinistro l'invito di Rizzo per il definitivo 2-1. Con questo successo assume un importanza vitale la prossima sfida che vedrà l'Inter impegnata all'Olimpico contro la Roma di Spalletti. Per il Bologna invece subito l'occasione di reagire a Bergamo nella sfida contro l'Atalanta di Reja.