Serie A, Genoa-Torino: formazioni, diretta, pagelle. Live

Pubblicato il 13 marzo 2016 alle 17:15:58
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Il Genoa vince 3-2 in rimonta contro il Torino nella 29esima giornata del campionato di Serie A. Terzo successo consecutivo in casa per la squadra di Gasperini, che vede la salvezza. Al doppio vantaggio di Immobile, in gol al 3' e al 15', rispondono Cerci, che con una doppietta su rigore ristabilisce la parità già nel primo tempo, e Rigoni che al 65' trasforma in rete di testa il perfetto invito su punizione di Suso. Il Torino viene scavalcato in classifica proprio dal Genoa, salito a quota 34 con un punto di vantaggio sulla squadra di Ventura.
 
E' un primo tempo pirotecnico quello di Marassi, in linea con i precedenti tra Genoa e Torino. Passano subito i granata con un'azione corale ottima: Maksimovic mette palla in area rasoterra, velo di Immobile che poi va a ricevere il tocco di ritorno di Belotti e fa 1-0 con un destro sotto la traversa al 3'. Al 15' replica ancora Immobile mandato in porta dall'ottimo filtrante di Acquah: l'attaccante napoletano è freddo davanti a Perin e porta i suoi sul 2-0. E pensare che il bomber napoletano aveva rischiato di non giocare per un colpo ricevuto da Bruno Peres durante il riscaldamento. Il Genoa, che di Marassi ha fatto un fortino inespugnabile, reagisce con veemenza e riapre la partita al 19'. Molinaro atterra Izzo in area: calcio di rigore. Dal dischetto Cerci spiazza Padelli con il sinistro. Al 27' il Genoa reclama un altro rigore per un presunto fallo da ultimo uomo di Bruno Peres su Pandev mandato in porta dal cross morbido di Ansaldi. La squadra di Gasperini continua a spingere, guadagna tre corner consecutivi e al terzo tentativo Acquah abbraccia in area Izzo durante il primo minuto di recupero. Per Doveri ci sono gli estremi per un altro calcio di rigore. Dal dischetto va ancora Cerci che pareggia in fotocopia rispetto alla prima trasformazione: 2-2 e tutti negli spogliatoi.
 
Nell'intervallo Gasperini toglie Laxalt e mette Rigoni, mentre al 56' anche uno stanco Cerci lascia il campo per Suso. Sono cambi decisivi perché proprio i due neo-entrati confezionano il gol del sorpasso al 65': punizione tesa di Suso in area e colpo di testa di Rigoni che batte un incolpevole Padelli. Il Torino si getta in avanti, ma presta il fianco alle ripartenze del Genoa che in due occasioni sfiora il poker: prima Suso impegna Padelli dal limite al 73' con il destro, poi Pandev sfiora di un soffio il palo al 76' con un diagonale velenoso. Il Torino risponde all'81' con la migliore occasione del secondo tempo: Acquah fa partire un gran destro dal limite indirizzato sotto la traversa, Perin ci mette una pezza e salva in angolo. La squadra di Ventura non ha la forza di creare altro e il Genoa fa altri tre passi verso la salvezza. Nel prossimo turno il Grifone sarà impegnato al San Paolo contro il Napoli, mentre il Torino se la vedrà con la Juventus nel derby della Mole: per Ventura, è l'ultima occasione di riscattare una stagione di totale anonimato. E forse dire addio nel migliore dei modi ai tifosi granata.