Roma: Montella \"Troppo nervosi, ma a testa alta\"

Pubblicato il 9 marzo 2011 alle 07:46:07
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

"A Lecce il rigorista era Pizarro e anche oggi era lui. Borriello gli ha chiesto di tirare e lui lo ha lasciato tirare. Se la sentiva, ha sbagliato e ci può stare sbagliare un rigore”. Il tecnico della Roma Vincenzo Montella rivela ai microfoni di Sky che il rigorista designato era anche questa sera Pizarro ma allo stesso tempo non colpevolizza Borriello per aver tirato dal dischetto e aver fallito il possibile 1-1. “La prossima volta - ha aggiunto scherzando l'ex 'aeroplanino' - lo tiro io”.

Poi Montella parla della partita persa 3-0 contro lo Shaktar Donetsk e costata l'eliminazione ai giallorossi: “Ho chiesto ai ragazzi di avere continuità e crescita, sono molto contento per l'approccio alla gara contro un avversario di grande livello che ha creato tante occasioni. Abbiamo tirato in porta cinque sei volte nel primo tempo, dobbiamo ripartire da qui, poi c'è stato questo episodio dell'espulsione e a questi livelli non puoi concedere un uomo per cinquanta minuti. Così è difficile contro una squadra molto tecnica e che sfrutta bene l'ampiezza del campo”.

Il tecnico della Roma sgrida i suoi: “Dal punto di vista tecnico, posso dire che usciamo a testa alta. Ma sono incavolato per altri motivi: troppo nervosismo, troppe ammonizioni inutili. A questi livelli, non si può regalare un uomo all'avversario per 50”, ha detto il tecnico giallorosso a Sky, riferendosi all'espulsione di Mexes e ai tanti falli di reazione dei suoi giocatori.

“Non avevo visto i falli su Srna - ha poi aggiunto Montella - Ci può stare il calcione in più, lo sfottò dell'avversario. Ma se fai un errore una volta, ok, se si ripete è un problema. A questi livelli bisogna rimanere con la testa alla partita, non lasciarsi prendere dal lato emotivo”.