Roma: Borriello \"Vergognoso io capro espiatorio\"

Pubblicato il 11 marzo 2011 alle 07:48:50
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Borriello non ci sta. Dopo l'errore dal dischetto in Ucraina nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League, e le polemiche per aver 'soffiato' il rigore a Pizarro, Marco Borriello esce allo scoperto e risponde alle critiche nei suoi confronti. "Trovo vergognoso che in questo momento si cerchi di trovare in me l'unico capro espiatorio di una situazione difficile - le parole dell'attaccante della Roma, al sito SportMediaset.it -. La mettono tutti su polemiche che io non ho mai fatto, compresa quelle con Totti. Da quando sono qui credo di essere un esempio di serietà".

"Non sono io - ha quindi aggiunto il giallorosso al sito - che decide chi gioca e chi va in panchina. Io ho fatto 15 gol in 5 mesi, con il Lecce mi sono procurato un calcio di rigore al 90' dopo aver dribblato tre avversari. Sono uno abituato a lavorare fino all'ultimo minuto". "A Donetsk ho visto che nessuno prendeva la palla e allora ho tirato io il rigore dopodichè mi sono preso tutte le colpe - la ricostruzione di Borriello di quanto accaduto in Champions -. Non penso che prendersi le proprie responsabilità sia una colpa e, inoltre, non siamo stati eliminati per il mio rigore". "Sono stato disponibile dalla prima all'ultima partita in questa stagione - ha quindi concluso -, senza un raffreddore o qualsiasi problema fisico. Credo di essere un esempio di serietà da quando sono a Roma".