Juve: Chiellini \"Con il Milan stimoli importanti\"

Pubblicato il 3 marzo 2011 alle 16:59:22
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

"Con il Milan sarà una partita un po' diversa dalle ultime due. Affrontiamo la prima in classifica, la favorita insieme all'Inter che è un gradino sotto per lo scudetto. Gli stimoli non possono mancare, non sarebbero mancate con altre avversarie ma questa è una sfida speciale". Lo ha detto Giorgio Chiellini, difensore della Juventus, in un'intervista in esclusiva ai microfoni di Sky Sport 24, in vista della attesa sfida in programma sabato sera a Torino.

Il big match con i rossoneri arriva in un momento molto delicato per la Juventus: "Pensavamo di essere venuti fuori dal periodo difficile di gennaio. Eravamo convinti di poter tornare ad una serie di risultati positivi per recuperare il cammino perduto. Invece siamo ricaduti in una serie di errori e solo insieme ne possiamo uscire. Queste difficoltà devono stimolare, questo stimolo di gruppo che ci serve. Sarà importante il supporto di campioni come Del Piero o Buffon, i periodi difficili fanno parte del calcio e ciclicamente vengono sempre - continua il difensore bianconero -. Questo capita dopo una stagione che speravamo potesse essere quella del riscatto . In un clima dove c'era delusione accumulata. Sia io che i miei compagni tireremo fuori qualcosa in più rispetto al nostro standard. Dall'interno dello spogliatoio nasce la convinzione di essere diversi rispetto all'anno scorso. A livello di numeri siamo sulla falsariga ma la convinzione dentro ci rimane".

La Juventus in questa stagione ha dimostrato di soffrire più le partite con le piccole rispetto ai big match: "Possiamo vincere con tutti ma purtroppo anche perdere l'abbiamo dimostrato durante l'anno. Con la voglia di fare, con la concentrazione e l'umiltà possiamo fare bene - precisa Chiellini -. Moratti ha detto che tiferà Juve? Normale, loro stanno rincorrendo e sperano in un passo falso del Milan. Cercheremo di fare un favore all'Inter. Per noi è importante riprendere a fare punti e quella fiducia che dopo la gara di domenica era mancata. La classifica? Lasciamo stare ora, credo nelle ultime 5 gare si debba vedere. Ora non ha senso per noi - conclude il difensore azzurro -. Ci crediamo ancora? Inutile fare proclami ora, non dobbiamo porre obiettivi, ne in alto ne in basso".