Il Milan lancia lo squillo scudetto: 3-0 al Napoli

Pubblicato il 28 febbraio 2011 alle 23:05:45
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

E' il Milan la grande favorita per lo scudetto. I rossoneri lo dicono forte e chiaro nella supersfida di San Siro, travolgendo per 3-0 il Napoli e mantenendo i cinque punti di vantaggio sull'Inter, ora seconda. Si discuterà molto sul rigore che apre le marcature, ma il campo dice che la squadra di Allegri ha ampiamente meritato il successo, dominando la partita, con un grande secondo tempo. Super Pato (un assist ed un gol), Boateng decisivo ed una difesa impenetrabile per i padroni di casa, mentre i partenopei falliscono la prova del nove. Abbiati fa lo spettatore non pagante, perché gli uomini di Mazzarri non sono mai pericolosi, commettono errori a ripetizione e, alla fine, pagano anche con un punteggio pesante.

Non ci sono grandi novità nelle formazioni: tra i rossoneri Flamini è stato preferito a Boateng, con il tridente Pato-Robinho-Ibra in avanti. Tutto confermato tra i partenopei con Mazzarri che dà fiducia a Mascara, al posto dello squalificato Lavezzi. La posta in palio è alta e si vede sin dai primi minuti di gioco con tanti errori in fase di impostazione, soprattutto da parte napoletana. E' la squadra di Allegri, infatti, a fare il match, anche se il molto possesso palla non porta a grandi occasioni, per demeriti propri e per una difesa del Napoli impeccabile, guidata da Aronica e Cannavaro. L'unico lampo dei primi 45 minuti di gioco, arriva quasi per caso al 34': un tiro deviato di Robinho finisce sui piedi di Van Bommel, smarcato in area. Conclusione a botta sicura, ma il solito Aronica si immola e respinge la conclusione.

La ripresa è un'altra musica, per merito del Milan. Dopo quattro minuti, si sblocca il risultato: c'è un discusso fallo di mano di Aronica in area, Rocchi fischia il rigore e Ibra non fallisce dal dischetto. Il Napoli non riesce a reagire ed i padroni di casa sfruttano gli spazi, con De Sanctis costretto al miracolo prima su Pato e poi su Robinho. Allegri manda in campo Boateng e la freschezza del ghanese fa subito la differenza. Tanto dinamismo a centrocampo, con il Milan sempre più padrone del campo, e la rete del 2-0, su un perfetto assist di Pato. Tre minuti più tardi, la sfida si chiude: questa volta il 'Papero' si mette in proprio, con un grande contropiede, e mette a segno il tris rossonero con uno splendido tiro a girare. Finisce qua, gli ultimi minuti servono solo per le statistiche e per la festa di San Siro.