Fiorentina: Mihajlovic \"Mutu? Lo avevo detto...\"

Pubblicato il 6 marzo 2011 alle 18:54:16
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

"Mancano dieci partite, centriamo l'obiettivo della salvezza e poi vediamo dove si può arrivare". Sinisa Mihajlovic evita facili entusiasmi dopo la netta vittoria casalinga sul Catania, un 3-0 firmato Mutu (doppietta) e Gilardino. "Noi non siamo mai tranquilli, siamo sereni, e questo è meglio - afferma il tecnico della Fiorentina serbo ai microfoni di Mediaset Premium -. Sono abituato a vedere il bicchiere mezzo pieno: nonostante tutte le emergenze che abbiamo avuto e che abbiamo ancora, dal 6 gennaio su 11 partite abbiamo perso solo una volta. Quando abbiamo recuperato giocatori importanti abbiamo fatto bene. Siamo ancora in emergenza, con Mutu che è al 50 per cento, Vargas non ancora a posto e Jovetic fuori".

Proprio ieri Mihajlovic aveva spronato Mutu a migliorare le proprie prestazioni: "Adrian è un grande giocatore - spiega -, ha carattere. E di solito quando quelli bravi sbagliano una partita, poi vogliono rifarsi. Volevo una sua reazione dopo la partita con il Bari. E' un giocatore importantissimo, non deve portare solo il nome Mutu sulla maglia e non fare nulla: oggi ha fatto oggi due gol ed è stato importante - continua il tecnico -. Se non gioca così è un giocatore normale che si può cambiare con chiunque altro".

Da Mihajlovic poi un pensiero per Diego Simeone, compagno di squadra ai tempi della Lazio campione d'Italia e in difficoltà col Catania: "Il 'Cholo' è un mio grande amico, è una persona perbene e un allenatore che stimo molto. Mi è dispiaciuto batterlo, ma uno vince e l'altro perde. Sono convinto che uscirà da questa situazione. La ruota gira".