Extracomunitari, siamo sempre i soliti

Pubblicato il 16 febbraio 2011 alle 19:07:49
Categoria: Calciomercato
Autore: Redazione Datasport.it

Siamo alle solite: mancanza di programmazione. La storia degli extracomunitari ne è un esempio lampante: dopo la cervellotica decisione della scorsa estate di ridurre da due a uno il numero dei tesserati, in pieno mercato e con effetti devastanti (per esempio il Parma non ha potuto tesserare Armero che aveva bloccato), da almeno un paio di settimane si parla di una possibile-probabile retromarcia, con il ripristino della norma che offre la possibilità di ingaggiare due extracomunitari.

Ma siamo quasi a marzo e ci vorrebbe una presa di posizione decisa da parte dei club, in modo da evitare la solita decisione dell’ultimo momento. In modo, soprattutto, da poter programmare. Ma anziché chiedere garanzie, i club aspettano. Siamo alle solite, appunto. Meglio ancora: siamo sempre i soliti…