Cannavaro: "Torno in campo per la Città della Scienza"

Pubblicato il 14 marzo 2013 alle 16:46:15
Categoria: Serie A
Autore: Redazione Datasport.it

Fabio Cannavaro giocherà ancora una partita e lo farà nello stadio della sua città, Napoli. A maggio in un San Paolo, si spera gremito, andrà in scena un'amichevole organizzata per raccogliere i fondi necessari alla ricostruzione della Città della Scienza. Ad annunciare l'iniziativa è lo stesso Cannavaro che, all'Ansa, precisa: "La Città della Scienza è bruciata - spiega - e io tornerò in campo per ricostruirla. Non pensavo di fare un evento per dare il mio addio al calcio giocato ma l'incendio del 4 marzo ha cambiato le cose. L'episodio è grave e nulla è più come prima, non siamo più gli stessi ma tutti vogliamo che le cose siano rimesse al loro posto il prima possibile".

Cannavaro è uno dei massimi rappresentanti al mondo della napoletanità, avendo giocato in molti dei più grandi club europei: "Napoli è la mia città - continua il capitano dell'Italia Campione del Mondo 2006 - i napoletani sono i miei concittadini, il mio cuore, anche se da diversi anni vivo in altre città per lavoro, è sempre lì: Napoli è la mia casa ed il luogo dove voglio che crescano i miei figli. Ho quindi il desiderio ed il dovere di fare tutto quanto mi è possibile per contribuire a rimettere a posto le cose: dobbiamo ricostruire la Città della Scienza".

Al match amichevole partecipernano alcuni dei campioni del mondo 2006 ma Cannavaro tende a sottolineare il valore simbolico dell'iniziativa: "Quello che ho saputo fare meglio nella mia vita è tirare calci ad un pallone ed allora gli ultimi che tirerò dovranno servire a qualcosa di importante - prosegue -. La mia partita di addio al calcio sara' un grande evento che contribuirà a raccogliere fondi per centrare questo obiettivo. Nei prossimi giorni chiamerò a raccolta tutti i grandi campioni con e contro i quali ho giocato perché vengano al San Paolo una sera del mese di maggio e scendano in campo con me. Desidero che i ragazzi con i quali ho condiviso gioie e delusioni, con i quali ho combattuto  battaglie sui campi di gioco, siano al mio fianco a combattere ancora una volta, per una causa giusta".

L'evento avrà però bisogno del sostegno delle istituzioni: "Nei prossimi giorni le interpellerò - conclude Cannavaro -, come pure il Napoli Calcio per avere la loro indispensabile collaborazione alla riuscita dell'evento, che presto presenterò nei suoi dettagli. Molte iniziative sono già in corso, e so che molte altre sono in via di definizione, il calcio è lo sport nazionale e quando accadono cose del genere deve, senza esitazione, fare la sua parte".