ore 8:35 - Martedì, 11 Settembre 2012


Us Open: il trionfo di Andy Murray

Dopo una maratona durata cinque ore lo scozzese si impone in finale su Djokovic in cinque set e vince il suo primo Slam

Dopo quattro finali dello Slam andate in fumo, dopo l'etichetta da eterno perdente che gli aveva affibbiato, ecco che Andy Murray piano piano si sta prendendo le sue rivincite. Archiviato e messo in bacheca l'oro olimpico conquistato a Wimbledon contro Roger Federer, ecco che lo scozzese si impone anche nella finalissima degli Us Open. Murray vince la sua prima prova dello Slam in cinque set (7-6, 7-5, 2-6, 3-6, 6-2) contro il serbo Novak Djokovic, dopo una maratona di cinque ore (la finale più lunga di sempre sui campi newyorkesi di Flushing Meadows), e riporta la Union Jack sul trono dopo 76 anni: era infatti dal 1936 che un britannico non vinceva una prova dello Slam, in quel caso fu Fred Perry.

Il terzo protagonista (incomodo) del match è stato il vento, che ha condizionato e non poco le battute dei due campioni, anche se Djokovic è sembrato più disturbato dalle intemperie di Murray, soprattutto nei primi due set, conclusi sul 7-6 al tie break e 7-5 per lo scozzese. Nel terzo Nole sembra più cattivo, portandosi in vantaggio di tre break e strappando il primo anche ad inizio del quarto, per portarsi quindi sul 2-2. Nell'ultimo set, però, tutta la voglia di Murray si togliersi di dosso la 'sindrome da Slam' è venuta fuori, e il riccioluto scozzese si è imposto nettamente e ha alzato in cielo il trofeo.

Redazione Datasport

Ricerca per tag
tennis us open murray djokovic

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il protagonista sei tu: inserisci i risultati su Datasport
 X