Pallanuoto, Mondiali di Budapest 2017: altra delusione per il Settebello, è sesto posto

Pubblicato il 29 luglio 2017 alle 16:50:46
Categoria: Pallanuoto
Autore: Redazione Datasport.it

Doppio sesto posto per la pallanuoto italiana ai Mondiali di Budapest. Dopo il Setterosa, anche il Settebello perde 5-4 la finalina contro il Montenegro. Prima metà di gara equilibratissima, con i primi due tempi conclusi sul 2-2. Decisivo lo strappo nel terzo quarto: un parziale di 3-2 con il quale Brguljan e compagni si portano avanti, resistendo nell'ultimo tempo, terminato 0-0. Settebello senza medaglia per la terza volta di fila.
 
Doveva essere una già decisamente magra consolazione per il Settebello, ma i ragazzi di Campagna falliscono anche la sfida contro il Montenegro, chiudendo i Mondiali di Budapest al sesto posto. Nel primo tempo, a fare da padrona è la superiorità numerica. I primi a sfruttarla sono i montenegrini, che alla prima azione utile passano in vantaggio con Drasko Brguljan, futuro mattatore del match. Ci pensa Iodice a ricambiare con la stessa moneta: superiorità e 1-1, parziale di chiusura dopo i primi 8 minuti. Nella secondo quarto, la media nel 6 contro 5 delle due formazioni si macchia, e arrivano due reti in parità numerica. Ancora una volta, il Settebello deve inseguire, perché a sbloccare il risultato dopo 9:11 complessivi è ancora Brguljan. A pareggiare, stavolta, è Mike Bodegas. All'intervallo lungo, una sfida solitamente ricca di reti termina invece 2-2.
 
Nel terzo tempo, però, arriva l'allungo decisivo. Il primo, e alla fine fondamentale, break della partita arriva da Draskovic e Brguljan, che portano il Montenegro sul 4-2 prima di metà quarto. Gli azzurri, che hanno pagato contro la Croazia l'imprecisione in superiorità numerica, sfruttano il fondamentale per trovare il 4-3, ma è ancora Draskovic a portare sul doppio vantaggio i suoi, firmando la sua personale doppietta. Gli azzurri, con nuovi innesti, vanno a segno con Mirarchi. Sarà l'ultima rete del match, perché gli ultimi 8 minuti non regaleranno nessun gol, aggravando il fallimento del Settebello a Budapest. Dal magico mondiale di Shanghai 2011, vinto dai ragazzi di Campagna, non è arrivata nessuna medaglia. Score addirittura peggiorato, se si considerano i due quarti posti di Barcellona 2013 e Kazan 2015. Il futuro è dalla parte di Iodice e compagni, visto il ricambio generazionale messo in atto dall'allenatore azzurro che ha portato anche una buona prestazione contro i mostri sacri della Croazia. Il bilancio in Ungheria, per la pallanuoto italiana, è però impietoso : zero medaglie e due sesti posti dopo l'argento del Setterosa e il bronzo del Settebello nell'Olimpiade di Rio.

Blue Finance Forbes