> motori > motogp > gp argentina

Domenica, 9 Aprile 2017 - 21:56

MotoGP, Argentina: Vinales concede il bis, Rossi è secondo

Maverick Vinales - Foto www.imagephotoagency.it

Doppietta Yamaha a Termas de Rio Hondo, sul podio anche Crutchlow. Cadono Marquez, Lorenzo, Dovizioso e Pedrosa




Seconda vittoria consecutiva per Maverick Vinales che in sella alla sua Yamaha, dopo avere trionfato in Qatar nella gara d'esordio, fa suo anche il Gran Premio di Argentina valido come seconda prova del Mondiale 2017 di MotoGP. Lo spagnolo precede Valentino Rossi, ancora una volta sul podio, e un brillante Cal Crutchlow (Honda Lcr). Impressionante serie di cadute: ne fanno le spese Lorenzo, Marquez, Pedrosa e uno sfortunatissimo Dovizioso.

Pronti, via e si conclude subito la gara di Lorenzo che finisce sull'asfalto con la sua Ducati. Marquez fa il vuoto, ma al quarto giro la corsa termina anche per lui con una caduta. Ne approfitta Vinales che in sella alla sua Yamaha vola, inseguito ma a debita distanza da Crutchlow e Rossi. Destino beffardo anche per Pedrosa che, insinuatosi in quarta posizione, finisce a terra e si deve ritirare. Ancora più clamorosa l'uscita di scena di Dovizioso, cui evidentemente la pista di Termas de Rio Hondo: esattamente come l'anno scorso, infatti, il ducatista viene travolto da un altro pilota. Nel 2016 fu Iannone, stavolta tocca ad Aleix Espargaro che si ritira insieme a lui.

 

Vinales non ha rivali, ma a questo punto sale in cattedra Valentino Rossi: il nove volte campione del mondo, in difficoltà per tutto il weekend, tallona Crutchlow, lo sorpassa e si va a prendere una splendida seconda posizione. Il britannico della Honda Lcr non molla, ma Rossi resiste. Il quarto posto è di Bautista davanti a Zarco e Folger. Buono il settimo posto di Petrucci, completano la top ten Redding, Miller e Abraham. In classifica piloti Vinales prende il largo e sale a quota 50 punti: dietro di lui Rossi (36) e Dovizioso (20).

 

 

 

Redazione Datasport
loSpettacolo.it - la tua guida tv
Segnalazioni e Consigli

Scrivi alla redazione

di Datasport