> motori

Domenica, 16 Luglio 2017 - 16:46

F1, Gp Gran Bretagna: le pagelle

Lewis Hamilton - Foto www.imagephotoagency.it

Giornata da ricordare per Hamilton, belle rimonte di Bottas e Ricciardo, Kvyat disastroso




F1, Gp Gran Bretagna: le pagelle

Giornata perfetta per Hamilton, grandi rimonte per Bottas e Ricciardo, Kvyat disastroso

Lewis Hamilton 10 - Quarta di fila, cinque in assoluto. Silverstone è sempre più casa sua, ormai sul vecchio aeroporto è quasi imbattibile. Pole, vittoria, giro più veloce e gara condotta sempre in testa, poi il bagno di folla

Foto www.imagephotoagency.it

Valtteri Bottas 9 - Alla grande anche per lui, perchè partiva in quinta fila ma strappa un 2° posto insperato, mantenendo viva la fiammella che parla di titolo mondiale. Bravissimo nel primo stint, martellante nel finale

Foto www.imagephotoagency.it

Daniel Ricciardo 9 - Diverte e si diverte, lotta con un motore che non facilita di certo le rimonte ma c'è e raggiunge il massimo risultato possibile. Giù dal podio dopo 5 Gp ma altra grande giornata

Foto www.imagephotoagency.it

Kimi Raikkonen 8 - A fatica ma è probabile che la seconda piazza l'avrebbe portata a casa senza il problema all'anteriore sinistra, riesce comunque a chiudere sul podio

Foto www.imagephotoagency.it

Max Verstappen 7 - Fa quel che tutti si aspettano, cioè attacca alla morte al via e fa il possibile per stare in zona podio. Qualche ruotata con Vettel, chiude 4° e soddisfatto

Foto www.imagephotoagency.it

Nico Hulkenberg 7 - Per sua fortuna a fermarsi è l'altra Renault, questo gli permette di giocarsela in una domenica in cui la vettura gli permette di fare buoni tempi. E' 6°, miglior risultato stagionale insieme a Barcellona

Foto www.imagephotoagency.it

Sebastian Vettel 6 - Probabilmente la prima giornata da febbraio a oggi in cui è arrabbiato davvero, poco o niente è andato bene questa domenica. Si era rassegnato al 4° posto ma la foratura improvvisa gli fa perdere altre posizioni e punti

Foto www.imagephotoagency.it

Daniil Kvyat 3 - La vera sorpresa è come faccia ad essere ancora in Toro Rosso, vista la politica di Marko che non perdona chi sbaglia. Sono tanti Gp che tra lui e Sainz ci sono attriti

formula1.com

 
 
F1, le pagelle del Gp di Gran Bretagna
 
Lewis Hamilton 10
Quarta di fila, cinque in assoluto. Silverstone è sempre più casa sua, ormai sul vecchio aeroporto è quasi imbattibile. Pole, vittoria, giro veloce e gara condotta sempre in testa, se poi ci si mettono pure due forature per le Ferrari è proprio una giornata perfetta. Per concludere bagno di folla e diretta Instagram sul podio, figurarsi se perdeva l'occasione...
 
Valtteri Bottas 9
Alla grande anche per lui, perchè partiva in quinta fila ma strappa un 2° posto insperato, mantenendo viva la fiammella che parla di titolo mondiale. Bravissimo nel primo stint, con una gestione delle gomme che gli permette di sparare ottimi tempi poco prima della sosta, poi martellante nel finale fino a quando si ritrova a scartare il regalo di Kimi.
 
Daniel Ricciardo 9
Diverte e si diverte, lotta con un motore che non facilita di certo le rimonte ma c'è e raggiunge il massimo risultato possibile. Giù dal podio dopo cinque domeniche ma altra grande giornata.
 
Kimi Raikkonen 8
A fatica ma è probabile che la seconda piazza l'avrebbe portata a casa senza il problema all'anteriore sinistra, perde meno rispetto al compagno ed il podio riesce a portarlo a casa, purtroppo è solo un altro rimpianto di una stagione non troppo fortunata.
 
Max Verstappen 7
Fa quel che tutti si aspettano, cioè attacca alla morte al via e fa il possibile per stare in zona podio. Qualche ruotata con Vettel poi gli istanti persi ai box non gli permettono di fare di tenersi dietro il ferrarista, chiude 4° e soddisfatto.
 
Nico Hulkenberg 7
Per sua fortuna a fermarsi è l'altra Renault, questo gli permette di giocarsela in una domenica in cui la vettura gli permette di fare buoni tempi e di chiudere 6°, un bel risultato dopo un periodo non facilissimo. Miglior piazzamento stagionale, come a Barcellona.
 
Esteban Ocon 7
Grande spunto al via e gara di sostanza, sbagliando poco o niente. Buon 8° posto e soprattutto duello vinto con Perez.
 
Felipe Massa 7
Punticino nel Gp di casa della Williams, non era facile partendo dalla settima fila, ma ci mette sempre tanto impegno e questo gli permette di portare nuovamente la Fw40 a punti, sebbene nelle zone meno nobili.
 
Sebastian Vettel 6
Probabilmente la prima giornata da febbraio a oggi in cui è arrabbiato davvero, poco o niente è andato bene in questa domenica. Parte male, perde terreno dietro a Verstappen (prendendosi anche parecchi rischi), la spunta nel gioco dei pit stop ma il ritmo non è eccelso, si rassegna al 4° posto ma la foratura improvvisa gli fa perdere altre posizioni e punti.
 
Sergio Perez 6
Marca due punti ma stavolta è dietro ad Ocon, voleva di più nella gara di casa del team.
 
Stoffel Vandoorne 6
Non male: batte Alonso in qualifica ed in gara cerca di farsi valere come può, peraltro con un passo non malaccio, sfiora la zona punti e purtroppo per lui resta a quota zero in classifica.
 
Kevin Magnussen 6
Azzarda un primo stint molto lungo, che però gli serve solo per mettersi dietro Grosjean.
 
Marcus Ericsson 6
Batte Wehrlein e questo è tutto.
 
Romain Grosjean 5
Si gioca male la possibilità di partire dalla quinta fila, chiude con un anonimo 13° posto dietro anche al compagno Magnussen.
 
Pascal Wehrlein 5
Ruotate emozionanti con il compagno Ericsson, ma alla fine Marcus è 14°, lui 17°:
 
Fernando Alonso 5
Posizioni e posizioni di penalità per poi rompere di nuovo, boh...
 
Lance Stroll  4
Dopo tre gare ottime torna nei meandri della mediocrità, è solo 16° mentre Massa va a punti
 
Daniil Kvyat 3
La vera sorpresa è come faccia ad essere ancora in Toro Rosso, conoscendo la politica di Marko che di solito non perdona con chi sbaglia. Forse lo salva la mancanza di alternative (ma ci sarebbe Gasly...), ma oggettivamente l'incidente di oggi non è poi così sorprendente: sono tanti Gp che tra lui e Sainz ci sono attriti ed il clima è già da qualche mese di ferreo duello per spuntarla sull'altro, senza pensare troppo al bene del team.
 
Carlos Sainz jr s.v. (senza voto)
Fuori dopo neanche un giro, la prende sin troppo bene per essere uno che è stato appena buttato fuori dal compagno. Secondo ritiro consecutivo.
 
Jolyon Palmer s.v. (senza voto)
Putroppo per lui la Rs17 lo appieda prima di partire, nella gara che aspettava da un po' per riscattarsi. Oggi non ha colpe, ma ne ha per la prima parte di stagione che ha vissuto: Kubica proverà a Budapest, e non è solo Robert ad ambire al suo sedile.
 
 
 
Visita il sito www.cuoreevelocita.it per tutti gli approfondimenti sul mondo dei motori
 
Matteo Novembrini
loSpettacolo.it - la tua guida tv
Segnalazioni e Consigli

Scrivi alla redazione

di Datasport