Motocross, Cairoli: "Sono orgoglioso, è stata una stagione fantastica"

Pubblicato il 13 settembre 2017 alle 11:31:37
Categoria: Notizie Motori
Autore: Davide Montalbetti

Non ci sono più parole per descrivere Antonio Cairoli, che domenica, nel GP di Assen, ha conquistato matematicamente il suo nono titolo iridato, il settimo nella classe maggiore: "Posso dire che è stata una stagione fantastica, una delle migliori della mia carriera. Sono molto orgoglioso perché dopo tanti anni sono riuscito a crescere ancora e sono convinto di potermi migliorare ancora di più - ha dichiarato il pilota siciliano - È il primo titolo che ho conquistato con la KTM 450 e quindi è un po’ speciale, anche perché venivo da due anni frustranti a causa degli infortuni ".

E' stata un impresa quella di Cairoli che è riuscito a battere avversari molto forti e, soprattutto molto più giovane di lui, come Febvre, il campione 2016 Tim Gajser e il vincitore della scorsa edizione della classe MX2 Jeffrey Herlings, esploso nelle ultime gare: "Sicuramente Jeffrey ha dato prova di essere uno dei più forti piloti al mondo, e in questa stagione ha fatto crescere il livello - ha spiegato Cairoli - Vincere questo titolo è stato molto importante per me e per tutta la squadra, a inizio stagione non eravamo dati per favoriti ma abbiamo lavorato duramente durante l'inverno per essere pronti a combattere".

Nonostante ci siano ancora due gare da disputare, Cairoli sta già pensando al prossimo campionato, in cui il pilota siciliano potrebbe raggiungere Stefan Everts a quota dieci titoli iridati: "Stefan Everts e mi ha detto che è meglio che la smetta qui - ha affermato Tony ridendo - scherzi a parte, ci proverò come ho sempre fatto in tutti questi anni, poi non è escluso che non mi fermi qui".