Liga: Gameiro fa volare l'Atletico, 1-0 al Celta Vigo

Pubblicato il 22 ottobre 2017 alle 18:28:59
Categoria: Notizie Liga
Autore: Luca Servadei

Credit immagine: imagephotoagency.it

Il manifesto del Cholismo. L'Atletico Madrid supera 0-1 il Celta Vigo allo stadio Balaidos e si porta al terzo posto in classifica alle spalle di Barcellona e Valencia. I Colchoneros soffrono la velocità di Aspas e Gonzalez, ma alla prima occasione passano con il solito cinismo. A decidere l'incontro è la girata da due passi di Gameiro al 29'. A nulla servono nella ripresa i tentativi dell’undici di Unzue, che si infrangono contro il muro Oblak.
 
Dopo due pareggi consecutivi contro Leganes e Barcellona, l'Atletico Madrid vuole tornare al successo per accorciare in classifica nei confronti del Valencia di Zaza, secondo a -4 dal Barça capolista. Allo Stadio Balaidos di Vigo, il Celta procura qualche grattacapo alla squadra di Simeone e al 20' il colpo di testa di Gomez costringe Oblak al grandissimo intervento che salva il risultato. Il grande spavento risveglia i Colchoneros, fino a quel momento in netta difficoltà nell'arginare le scorribande offensive della formazione di Unzue. Al 29' gli ospiti passano con la rete del solito, infallibalie Gameiro: sugli sviluppi di un calcio d'angolo l'attaccante francese gira in rete da due passi e non dà scampo ad Alvarez. Dopo essersi portato in vantaggio, l'Atletico gestisce il possesso palla fino al termine di una prima frazione che si chiude sul punteggio di 0-1.
 
Alla ripresa delle operazioni è sempre la squadra di Simeone ad avere in mano il pallino del match. Le occasioni principali, però, capitano tra i piedi dei padroni di casa: il pericolo pubblico numero 1 per i Colchoneros è Aspas, che sfiora il pareggio al 52' e poi va di nuovo vicinissimo all'1-1 5 minuti più tardi. In questo caso solo la traversa nega all'ex Liverpool la gioia del gol. Tra le fila del Celta, Wass lascia il posto a Guidetti, mentre l'Atletico si affida a Griezmann per chiudere i conti. L'attaccante transalpino, però, mette alto di testa da due passi, sprecando il cioccolatino di Saul al 72'. A togliere le castagne dal fuoco per l’Atletico è sempre Oblak, che prima salva su Guidetti e poi dice di ‘no’ a Mayo all’88’. Grazie a questo successo, la squadra del Cholo Simeone si porta al terzo posto in classifica a quota 19, alle spalle di Barcellona e Valencia, in attesa della risposta del Real Madrid impegnato al Santiago Bernabeu contro l’Eibar.

Blue Finance Forbes