> ciclismo > giro italia

Venerdì, 19 Maggio 2017 - 17:37

Giro 2017, 13a tappa: poker Gaviria, Dumoulin controlla

- Stopframe Youtube

Il colombiano della Quick Step-Floors precede Bennett, Stuyven e Ferrari. La maglia rosa resta all'olandese




Fernando Gaviria cala il poker! Fenomenale il velocista colombiano della Quick Step-Floors che si impone nella 13esima tappa, 167 km da Reggio Emilia a Tortona, e festeggia il quarto successo al Giro d'Italia 2017. Gaviria, in maglia ciclamino come leader della classifica a punti, precede Bennett, Stuyven e Roberto Ferrari. Nessuna variazione in classifica generale con Tom Dumoulin che conserva la maglia rosa.
 
Dopo le insidie degli ultimi giorni, il Giro d'Italia 2017 si prende un piccolo respiro nella 13esima tappa, 167 km da Reggio Emilia a Tortona, una frazione interamente pianeggiante e senza sussulti. La giornata si apre con il ritiro di Geraint Thomas, il gallese del Team Sky che ha dovuto dire addio a causa dei postumi per la caduta sulle pendici del Blockhaus di domenica scorsa. In gara c'è una fuga di tre uomini, Brutt, Albanese e Mohoric: i battistrada vengono però tenuti sotto controllo dal gruppo e a circa 20 km dal traguardo vengono riassorbiti.
 
Da lì è un'alternanza tra le formazioni dei velocisti in testa al plotone per tenere l'andatura molto alta e prendere la migliore posizione in vista dello sprint. Grande lavoro lo fa la Bora-Hansgrohe per Sam Bennett, poi arrivano anche la Quick Step-Floors per Gaviria e la Wilier-Selle Italia per l'azzurrino Mareczko. In volata però non ce n'è per nessuno e a tagliare per primo il traguardo a braccia alzate è ancora Fernando Gaviria, il colombiano in maglia ciclamino che cala il poker, il quarto successo in questo Giro d'Italia, lui che è un debuttante assoluto. Il fenomeno della Quick Step-Floors precede Bennett, Stuyven e Roberto Ferrari, quarto e migliore degli italiani; in top ten anche Sacha Modolo, settimo.
 
Nessuna variazione in classifica generale in una giornata tranquilla per i big: Tom Dumoulin conserva la maglia rosa e resta invariato il suo vantaggio su Quintana, Mollema, Pinot e Nibali. Domani, sabato, sarà tutta un'altra storia: 131 km da Castellania a Oropa con arrivo in salita al santuario.
Redazione Datasport
loSpettacolo.it - la tua guida tv
Segnalazioni e Consigli

Scrivi alla redazione

di Datasport