> calcio > serie a > cronache

Domenica, 19 Marzo 2017 - 12:42

Serie A: Mati gol, il Milan piega il Genoa

Mati Fernandez, Milan-Genoa - Foto www.imagephotoagency.it

Una rete del cileno Fernandez regala i tre punti ai rossoneri: Grifoni ko 1-0




Il Milan riparte dopo la sconfitta ricca di polemiche dello Juventus Stadium: i rossoneri superano 1-0 il Genoa nell'anticipo della 29a giornata di Serie A. A San Siro decisiva la rete di Mati Fernandez nel primo tempo per il momentaneo sesto posto in classifica attendendo i risultati di domani.
 
Il match si apre in salita per Montella, già alle prese con squalifiche e infortuni prima del calcio d'inizio: dopo pochi secondi arriva l'infortunio di Bertolacci. Cambio obbligato a parte, i rossoneri non approcciano bene alla partita e all'11' la prima palla gol è per Taarabt che non dà forza al tentativo da ottima posizione. Il Milan cresce alla distanza e al 17' Izzo sulla linea evita il vantaggio di Ocampos. Due minuti più tardi Deulofeu manda a fil di palo il suo diagonale, al 21' anche Mati Fernandez sfiora il gol. L'1-0 arriva proprio da un inserimento del cileno sulla sponda di Lapadula: al 33' il centrocampista supera Lamanna con un tocco morbido. Nel finale di primo tempo si rivedono gli ospiti con un tiro di Ntcham ribattuto: si va al riposo sull'1-0.
 
A inizio ripresa il copione non cambia col Milan a fare la partita e il Genoa ad aspettare chiudendo gli spazi: la prima chance per chiudere i conti arriva al 70' con Mati Fernandez manca il raddoppio da due passi. Nel finale entra Pinilla ma i rossoblu non sono pericolosi e si scoprono ai contropiedi dei rossoneri: Deulofeu in almeno due circostanze manca di cinismo e lascia i propri tifosi col fiato sospeso fino al triplice fischio. A San Siro finisce 1-0: Milan a -2 dall'Inter attendendo i risultati di Lazio e Atalanta domani, Genoa abbastanza tranquillo in classifica ma la crisi prosegue nonostante il cambio di allenatore.
Redazione Datasport
loSpettacolo.it - la tua guida tv
Segnalazioni e Consigli

Scrivi alla redazione

di Datasport